Aziende partecipate, avviata la fusione tra Amt e Sostare

I due cda di Amt e Sostare, presieduti rispettivamente da Giacomo Bellavia e Luca Blasi, si incontreranno a palazzo degli elefanti alla presenza del sindaco Pogliese

Con una assemblea congiunta dei due Consigli di Amministrazione, è stato concretamente avviato il processo di fusione tra le partecipate comunali, Amt e Sostare, promosso dalla giunta Pogliese e adottato dal consiglio comunale con la delibera dello scorso 27 dicembre nell'ambito del piano di razionalizzazione delle aziende partecipate comunali. La riunione, che si è svolta a palazzo dei chierici, sede dell’assessorato alle aziende partecipate retto dal vicesindaco Roberto Bonaccorsi, ha avuto lo scopo di preparare il primo atto formale del progetto di realizzare un’unica azienda della mobilità cittadina, un’idea che anche negli anni scorsi è stata più volte annunciata e che ora è avviata alla realizzazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due CDA di Amt e Sostare, presieduti rispettivamente da Giacomo Bellavia e Luca Blasi, hanno convenuto di autoconvocarsi il prossimo 7 novembre a palazzo degli elefanti alla presenza del sindaco Pogliese e dei responsabili de controllo analogo del comune, per una verifica del percorso più agevole per la fattibilità della fusione delle due aziende. Si tratta di realizzare un progetto che oltre a non mettere in discussione alcun posto di lavoro di lavoro, valorizzi al meglio il patrimonio delle due partecipate, assegnando ad essa l’attività di gestione del Trasporto Pubblico Locale, delle aree sosta e dei servizi connessi alla mobilità (ivi compresa segnaletica orizzontale e verticale e gestione degli impianti semaforici). I vantaggi dell’unificazione delle partecipare oltre a eliminare i costi di un cda, riguardano l’ottimizzazione nell’utilizzo delle risorse umane e strumentali di un’azienda che con regia singola, inquadri la complesse azioni necessarie a garantire una mobilità, dei veicoli e delle persone, adeguata e funzionale alla complessità dell’area urbana e metropolitana di Catania. Nei giorni scorsi, cinque società interamente partecipate dal Comune di Catania, "Catania Multiservizi s.p.a.", "Sostare s.r.l.", "Amt Catania s.p.a.", ed "Asec s.p.a." che a sua volta detiene il totale del capitale della società "Asec Trade s.r.l.", su input del sindaco Salvo Pogliese e direttiva del vicesindaco e assessore alle partecipate Roberto Bonaccorsi, hanno sottoscritto il contratto di Rete, documento pianificatore creato per facilitare l’esercizio in comune di attività economiche degli organismi partecipati, i cui costi incidono sul bilancio del Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Il Gruppo Arena lancia l’ultimo modello di Superstore

  • Blitz antidroga a San Cristoforo, sequestrati cocaina e 7 mila euro in contanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento