Baby gang: arrestati tre minorenni per rapina in un supermercato

Una baby gang composta da tre minorenni e un 18enne è stata arrestata mentre cercava di rapinare un supermercato in via Lessona, alle spalle del Corso Indipendenza

Fermata una baby gang per rapina. I membri di questa giovane gang sono quattro ma solo tre sono stati arrestati,      l’ultimo un 18enne, almeno così si suppone dato che guidava la macchina della fuga, una “Lancia Y” rubata,  è riuscito a scappare.

I complici, che al momento si trovano nel centro di prima accoglienza per minori di via Franchetti, sono giovanissimi: due hanno sedici anni e il quarto appena quindici. Sono tutti incensurati e con una pistola giocattolo hanno "quasi" rapinato un market.

Secondo la ricostruzione dei fatti lunedì pomeriggio la baby gang ha raggiunto un supermercato di via Lessona, alle spalle del Corso Indipendenza, e ha provato a rapinare il commerciante, ma la rapina è stata sventata da due agenti della squadra “Condor” della sezione contrasto al crimine.

I tre minorenni con i volti coperti da un passamontagna sono entrati nel discount e hanno preso di mira le casse, mentre il quarto complice è rimasto fuori con la macchina accesa, pronto per la fuga.

Tutto, forse, sarebbe andato secondo i loro piani ma i “Condor” di passaggio nella zona in sella alla loro moto, hanno immediatamente capito che qualcosa non andava. Divisi, uno è andato verso il conducente del mezzo, aspettando prima di agire, poiché un colpo di clacson avrebbe potuto avvertire i complici. Il secondo agente si è diretto verso l’ingresso del supermercato e ha dato una botta decisa alle spalle del giovane rapinatore che faceva da palo, il quale ha perso l’equilibrio ed è caduto al suolo. Un lieve tentativo di reazione da parte dei due ladruncoli che sono però stati immediatamente portati alla ragione e si sono arresi.

Il ragazzo in auto, compreso che stavolta la rapina era andata male, ha pigiato sul pedale dell’acceleratore, facendo perdere le proprie tracce . Almeno per il momento, visto che alla Mobile sembrano certi di avere acquisito elementi in grado di portare all’identificazione del malfattore.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento