rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Banca Base, bancarotta fraudolenta: 2 arresti e 18 indagati

I reati contestati sono bancarotta fraudolenta, falso in prospetto, ostacolo all’esercizio delle funzioni di vigilanza e aggiotaggio per fatti attinenti allo stato d’insolvenza della “Banca Sviluppo Economico s.p.a.” (Banca Base)

In queste ore, i finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Catania e del nucleo speciale di polizia valutaria stanno eseguendo un’ordinanza di misure cautelari emessa dal Gip del Tribunale etneo nei confronti di 2 persone (agli arresti domiciliari) indagate, in concorso, con altri 18 soggetti, per bancarotta fraudolenta, falso in prospetto, ostacolo all’esercizio delle funzioni di vigilanza e aggiotaggio per fatti attinenti allo stato d’insolvenza della “Banca Sviluppo Economico s.p.a.” (Banca BASE) dichiarato dal Tribunale civile di Catania nel dicembre 2018 (confermato in appello nell’aprile 2019).

Video | Le immagini dell'operazione

I finanzieri stanno inoltre procedendo alla notifica a 18 indagati dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari. L’operazione delle Fiamme Gialle, convenzionalmente nota come “Fake Bank”, ha consentito di tracciare le illecite condotte operate dalla governance della “fallita” banca etnea consistenti in operazioni finanziarie anti-economiche e dissipative del patrimonio societario in dispregio dei vincoli imposti dall’Autorità di Vigilanza.

Video | Le indagini della GdF

I due arrestati dalla Guardia di Finanza sono il presidente del Cda e il direttore generale di Banca Base, Piero Bottino, di 63 anni, e Gaetano Sannolo, di 47, e sono stati posti ai domiciliari.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banca Base, bancarotta fraudolenta: 2 arresti e 18 indagati

CataniaToday è in caricamento