Banco Alimentare, tonno rosso sequestrato in distribuzione alle mense solidali

L'operazione è stata possibile grazie alla sinergia tra Guardia di Finanza Navale, Dipartimento Prevenzione Veterinaria Asp Ct, Maas, Intesa Sanpaolo

Sinergia e impegno sono le parole chiave dell'operazione che ha permesso di recuperare e distribuire a sette mense solidali della Sicilia Orientale 13 tonni rossi sequestrati, dalla Guardia di Finanza Navale sezione di Catania, sotto il comando del maggiore Giovanni Romeo, venerdì 19 giugno, e consegnati al Banco Alimentare della Sicilia Onlus. Un obiettivo importantissimo che è stato raggiunto grazie all'impegno e alla professionalità del Dipartimento di Prevenzione Veterinaria dell'Asp di Catania, diretto dal dott. Emanuele Farruggia; del UOT Veterinaria Catania coordinato dal dott. Climenti Gangi e l'operatività del dott. Simone Platania, dirigente responsabile del controllo ufficiali mercati ittici Catania; che ne ha certificato l'idoneità al consumo. Grazie anche al MAAS Mercati Agroalimentari Sicilia per la disponibilità nel mettere a disposizione i locali frigo, in grado di conservare il pescato durante tutte le operazioni necessarie dal sequestro alla consegna. Il progetto “Ri-pescato: dal mercato illegale al mercato solidale” sviluppato dalla Fondazione Banco Alimentare in partnership con Intesa Sanpaolo consente il recupero, la lavorazione e la distribuzione del pesce confiscato in Sicilia e la sua distribuzione agli enti caritativi siciliani convenzionati con la Rete Banco Alimentare. Sono stati necessari sei giorni per effettuare tutte le operazioni successive al sequestro e ognuna era fondamentale per il risultato finale: dal lavaggio al ricovero nelle celle frigo, alla certezza che gli animali fossero idonei al consumo; dal dissequestro alla porzionatura per arrivare, infine, alla distribuzione di 303 lotti sottovuoto ognuno di circa 2,5 kg per un totale di 845 kg di tonno rosso che è stato consegnato tra giovedì 25 e venerdì 26 giugno alle sette mense convenzionate con il Banco Alimentare: Help Center della Caritas, Locanda del buon Samaritano, Caritas di Paternò, Casa della Speranza di Riposto, Cavalieri della Mercede, Camilliani di Acireale e Mensa di Sant'Antonio di Messina. "Dobbiamo dire grazie a questa sinergia - sottolinea Pietro Maugeri presidente del Banco Alimentare della Sicilia Onlus -. Senza l'impegno di tutti Guardia Finanza Navale, MAAS, Asp Catania, e Intesa Sanpaolo, questi tonni avrebbero fatto una fine infelice e senza scopo perché non ci sarebbero state le condizioni igienico sanitarie per poterli gestire. Il Banco Alimentare è in grado di gestire questo tipo di recupero a favore degli indigenti, proprio grazie al progetto “Ri-Pescato”. Le proteine animali del pesce sono difficilissime da recuperare da altri canali - precisa ancora Maugeri - e importantissime per una alimentazione bilanciata e corretta. Nell'ottica del Banco Alimentare nel cercare di fornire il più possibile un apporto nutrizionale adeguato, operazioni come questa sono importantissime e ci auguriamo che possano essere perseguite e promosse anche nel futuro". "Anche in questo caso - dichiara il presidente del CdA del Maas, dott. Emanuele Zappia - le parole chiave sono “Fare rete”. Sembra semplice ma non è così. Quando viene sequestrata dalla Guardia Costiera o dalla Finanza una grossa quantità di pesce, il rischio che venga buttato è altissimo, se tutto non funziona alla perfezione. Come con questa partita di tonno sequestrato, che è stata portata presso i nostri locali del Maas, attrezzati per la gestione di queste operazioni, attivando questo procedimento virtuoso. I tonni sono stati conservati nelle nostre celle frigo alla giusta temperatura e monitorati, e hanno subito gli opportuni controlli da parte dei medici dell'Asp, che sempre ringrazio, nelle persone dei dottori Simone Platania e Emanuele Farruggia, per attestarne la buona conservazione e la commestibilità, e poi consegnati al Banco Alimentare. Il Banco Alimentare, all’interno del “Progetto Ri-pescato” in partnership con Intesa Sanpaolo, procede insieme a noi a pulire ed eviscerare il pesce, tagliarlo e a porzionarlo sottovuoto per consegnarlo con la sua rete capillare di grande distribuzione agli enti caritatevoli e alle mense di mezza Sicilia, per dare ristoro ai nostri poveri".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

  • Rete di pusher agiva in diverse piazze di spaccio, scattano gli arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento