Bar di un'area di servizio aperto nonostante la sospensione: denunciato il titolare

Gli agenti della divisione amministrativa della Polizia hanno constatato che il laboratorio era regolarmente funzionante con all’interno personale intento alla preparazione di cibi

La polizia presta sempre particolare attenzione al rispetto delle norme da parte dei titolari di esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. Infatti ieri, personale della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Catania, insieme al personale del Dipartimento di Prevenzione – Servizio Igiene alimentare e nutrizionale dell’ASP di Catania, ha effettuato un controllo presso il bar di un'area di servizio ubicata nella strada statale 114 in contrada Primosole  al fine di verificare se il titolare avesse ottemperato al provvedimento di sospensione dell’attività di produzione di alimenti nel laboratorio del bar, che gli era stato notificato lo scorso 22 settembre, a seguito di controllo dell’ASP. Durante il controllo, gli agenti operanti constatato che il laboratorio era regolarmente funzionante con all’interno personale intento alla preparazione di cibi. Atteso che il titolare non si era attenuto al  provvedimento di sospensione,   è stato deferito all'autorità giudiziaria ai sensi dell’articolo 650 del codice penale ed i locali adibiti alla somministrazione, sono stati posti sotto sequestro, con l'apposizione di sigilli, per evitare la reiterazione del reato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento