Il "barelliere della morte" sceglie di non rispondere alle domande del Gip

L'uomo è accusato dalla Procura di avere ucciso, dal 2014 al 2016, tre malati terminali iniettando loro dell'aria con una siringa, provocando il loro decesso per embolia gassosa, mentre il malato veniva trasportato dall'ospedale a casa

Foto archivio

Si è avvalso della facoltà di non rispondere alle domande del Gip Santino Mirabella, nell'interrogatorio di garanzia nel carcere di Catania dove è detenuto, il barelliere Davide Garofalo, 42 anni, arrestato dai carabinieri per omicidio volontario aggravato dall'avere favorito la mafia. Il suo legale, l'avvocato Salvatore Liotta, deciderà dopo avere letto tutti gli atti notificati oggi sul ricorso davanti al Tribunale del riesame. L'uomo è accusato dalla Procura di avere ucciso, dal 2014 al 2016, tre malati terminali iniettando loro dell'aria con una siringa, provocando il loro decesso per embolia gassosa, mentre il malato veniva trasportato dall'ospedale a casa. L'obiettivo era guadagnare i 200-300 euro di 'regalo' che la famiglia gli avrebbe dato per la vestizione della salma. Soldi che l'uomo avrebbe poi diviso con i clan mafiosi di Biancavilla e Adrano.

Nell'inchiesta, "Ambulanza della morte", sono indagate altre due persone, non raggiunte da provvedimenti restrittivi. Del rapporto con le onoranze funebri, e delle mani di Cosa nostra sul 'caro estinto', si erano già occupate altre due precedenti operazioni antimafia che hanno decimato le cosche della zona e i suoi vertici. Certo è che, come confermato dalle indagini dei carabinieri della compagnia di Paternò, su ambulanze e onoranze funebri l'interessa dei clan è fortissimo. La Procura di Catania ha fatto uno screening sui casi di morti sospette in ambulanza, rilevandone 50 tra il 2012 e il 2016. Di queste almeno un decina di "maggiore pregnanza processuali" e tre sono giunti al vaglio del Gip che li ha ritenuti credibili e domani saranno contestate a Garofalo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A fare aprire l'inchiesta le rivelazioni di un collaboratore di giustizia fatte in un'intervista a 'Le Iene' e che poi si era recato in Procura per riferire dei fatti a sua conoscenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento