Manifesto choc per festeggiare il Battesimo, annullata la festa

Alla fine non c'è stato il mega party con 450 invitati previsto a Catania per il battesimo del figlio del pregiudicato Francesco "Ciccio Ninfa", ritenuto vicino al clan Laudani e in passato indagato per associazione mafiosa

Alla fine non c'è stato il mega party con 450 invitati previsto a Catania per il battesimo del figlio del pregiudicato Francesco "Ciccio Ninfa", ritenuto vicino al clan Laudani e in passato indagato per associazione mafiosa. Dopo la rimozione dei cartelloni pubblicitari disposta dalla Questura e il forfait di tutti i cantanti che dovevano animare la festa, il padre del bambino ha deciso di annullare l'evento.

Il battesimo era stato presentato come un vero e prorpio evento con tanto di diretta radio, a cui avrebbero partecipato molti vip e personaggi famosi del mondo televisivo come Andrea Azzurra di "The Voice", Angela di "Uomini e Donne" e a una serie di cantanti neomelodici (Luigi Di Pino, Dany Diamante e Gianni Narcy)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento