Controlli ai bed and breakfast: multe e denunce per gli irregolari

In totale, sono ben 15 le strutture ricettizie per le quali è stato accertata l’attività di affitto “in nero”

Un bed and breakfast del centro storico, in cui era stata autorizzata l’attività di affitto di quattro camere, erano disponibili sei alloggi, tanto da consentire al titolare di pubblicizzare il proprio esercizio come “albergo”. La polizia se ne è accorta ed ha elevato una multa durante i controlli, che hanno anche permesso di accertare la presenza di una lavoratrice priva di contratto, che percepiva una paga di appena 2,65 euro l’ora. Immancabili, sono state riscontrate anche criticità in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. La lunga serie di rilievi a carico del titolare, comprende la denuncia in stato di libertà,la segnalazione all’Asp Spresal, per la violazione delle norme in materia di salubrità e sicurezza sui luoghi di lavoro e la sanzione amministrativa sino a 3.098 euro. In totale, sono ben 15 le strutture ricettizie per le quali è stato accertata l’attività di affitto “in nero”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento