Cronaca Caltagirone

Beni confiscati a Rampulla, affidati in concessione alla Caritas

Si tratta di terreni agricoli per circa 32 ettari con annessi fabbricati rurali in località Renelle - Bongiovanni. La Caritas contempla un investimento di 1.116.000 euro (fondi propri per 200 mila)

Sono stati affidati in concessione gratuita per 20 anni alla Caritas diocesana alcuni beni immobili confiscati a Sebastiano Rampulla, morto nel 2010, trasferiti al comune di Caltagirone per i quali era stato emesso un apposito bando a favore di associazioni e/o cooperative Onlus o altri organismi simili.

Si tratta di terreni agricoli per circa 32 ettari con annessi fabbricati rurali in località Renelle - Bongiovanni. La Caritas contempla un investimento di 1.116.000 euro (fondi propri per 200 mila).

Gli altri da acquisire attraverso finanziamenti pubblici e le entrate riconducibili alla ripresa dell'azienda agricola), finalizzati alla riattivazione dell'uliveto, del vigneto e del mandorleto, al recupero dei fabbricati con la realizzazione di un palmento e l'avvio di varie attività sociali. Previsto l'impiego di una decina di operai.

"Siamo contenti - sottolinea il sindaco Gino Ioppolo - che questi beni possano finalmente essere utilizzati secondo una funzione altamente sociale e produttiva, con molteplici ricadute positive".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beni confiscati a Rampulla, affidati in concessione alla Caritas

CataniaToday è in caricamento