rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca Biancavilla

Biancavilla, il primo cittadino dice no all'aumento dell'indennità

"L’ente versa ancora in uno stato di criticità finanziaria - spiega Bonanno - nonostante l’azione di risanamento promossa in questi anni con il taglio di consulenze e la riduzione di altre indennità"

"Rinuncio all’aumento dell’indennità da Sindaco così come prevede una recente legge. È quanto ho comunicato ufficialmente al Segretario comunale. La mia decisione è coerente con il mio primo atto da sindaco: appena insediato, ricorderete, tagliai del 30% le indennità del sindaco e degli amministratori". E' quanto rende noto il primo cittadino di Biancavilla, Antonio Bonanno. "Gli effetti della rinuncia - continua - portano a un notevole risparmio: l’aumento delle indennità dei Sindaci ridetermina, infatti, anche il compenso massimo mensile percepibile dagli assessori, dai consiglieri comunali e dal presidente del Consiglio comunale. Per le regioni a statuto speciale, come la Sicilia, gli aumenti sono a carico degli enti interessati. Graverebbero, cioè, sulle casse del Comune di Biancavilla e questo non possiamo permettercelo. L’ente versa ancora in uno stato di criticità finanziaria nonostante l’azione di risanamento promossa in questi anni con il taglio di consulenze e la riduzione di altre indennità. È la ‘ricchezza’ della città e non quella personale che ci sta a cuore".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biancavilla, il primo cittadino dice no all'aumento dell'indennità

CataniaToday è in caricamento