Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Librino

Librino, un ascensore per disabile segregata in casa

“Gli arresti domiciliari sono finiti”. Con questa battuta il sindaco di Catania Enzo Bianco si è rivolto alla signora Bernarda Lanza, che, costretta su una sedia a rotelle, abita all’ottavo piano di uno stabile dell’Iacp di Librino dove da anni l’ascensore non funzionava

“Gli arresti domiciliari sono finiti”. Con questa battuta il sindaco di Catania Enzo Bianco si è rivolto alla signora Bernarda Lanza, che, costretta su una sedia a rotelle, abita all’ottavo piano di uno stabile dell’Iacp di Librino dove da anni l’ascensore non funzionava. Bianco aveva segnalato qualche mese fa la penosa situazione all’allora assessore regionale Nino Bartolotta, che aveva chiesto all’Istituto autonomo case popolari di provvedere. Così l’ascensore è stato rimesso in funzione dal Servizio manutenzione dell’Iacp.

Il Sindaco è  tornato a trovare la signora Lanza spiegandole, con il nuovo commissario dell’Istituto, Antonio Leone, nominato da qualche giorno, come, di concerto con l’Istituto, si cercheranno di destinare, non appena si libereranno, appartamenti al pian terreno o al primo piano per chi ha difficoltà di deambulazione. E questo per evitare problemi  in caso di black out elettrici o altre emergenze. È stata inoltre donata dall’Iacp alla signora una sedia a rotelle compatibile con le dimensioni dell’ascensore.

“La riattivazione di questo ascensore – ha sottolineato il Sindaco – rappresenta un piccolo segnale in un quartiere che, pur afflitto da mille problemi, ha una grande vitalità. E nei Catanesi che abitano qui c’è una notevole voglia di partecipazione, una ferma volontà di crescere e di progredire”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Librino, un ascensore per disabile segregata in casa

CataniaToday è in caricamento