menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le richieste di Bianco a Renzi: "Maggiore attenzione per il Sud”

Anche la Sicilia, ha ricordato il Sindaco, sta contribuendo a cambiare il Paese partendo da Comuni e città metropolitane. Confermati finanziamenti a Catania per la mobilità e le emergenze sociali. "Pattoper la Repubblica" tra Governo, Regioni e Comuni

Una maggiore attenzione per il Sud. Questo ha chiesto il sindaco di Catania Enzo Bianco al premier Matteo Renzi nel corso dell’incontro a Palazzo Chigi tra la delegazione ristretta dell’Anci guidata da Piero Fassino e i rappresentanti del governo, dal ministro delle Riforme Maria Elena Boschi al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio.

Un Sud, e una Sicilia, i quali, ha ricordato Bianco, stanno contribuendo a cambiare il Paese partendo dai Comuni e da quelle città metropolitane che rappresentano una importante risorsa e un’opportunità anche sotto il profilo economico. Realtà che vanno aiutate a svilupparsi.

“Ci è stato confermato – ha detto Bianco –l’impegno preso dal governo precedente che destina una parte significativa delle risorse comunitarie a un Pon, il programma operativo nazionale Grandi città. Tra queste è compresa anche Catania, che per il comparto mobilità e per le emergenze sociali avrà una dotazione significativa, tra i cento e i duecento milioni di euro. E abbiamo parlato anche dell’emergenza alloggi e di edilizia scolastica, che sono tra gli obiettivi prioritari della nostra Amministrazione”.

 Alla riunione erano presenti dodici sindaci, tra i quali Ignazio Marino (Roma), Giuliano Pisapia (Milano), Luigi De Magistris (Napoli), Leoluca Orlando (Palermo), Giorgio Orsoni (Venezia), Virginio Merola (Bologna), Federico Pizzarotti (Parma), Alessandro Cattaneo (Pavia e vicepresidente Anci).

“Renzi – ha detto Bianco – ha voluto un incontro per nulla formale ma operativo ed è entrato subito in argomento andando al cuore dei problemi. Nel suo approccio, e lo ripeto da tempo, ci sono quellaconcretezza e quel coraggio che sono da sempre componenti essenziali dell'azione dei sindaci italiani”.

Tra gli argomenti trattati nel corso dell’incontro,nuovo Senato con la riforma istituzionale – con una Camera federale delle autonomie in cui siedano sì i Presidenti delle Regioni ma anche i Sindaci delle maggiori città italiane -  città metropolitane, tassazione locale e   portie infrastrutture.
Bianco ha evidenziato come dalla discussione siaemersa "la necessità di far ripartire un federalismo sussidiario e non gerarchico, con meno burocrazia e più autonomia: bisogna uscire da questa giungla di norme che opprimono i Comuni”.

“Nel Ddl di riforma del titolo V della Costituzione- ha aggiunto il sindaco di Catania - sono contenute norme in contrasto con questa idea. E in particolare quella che attribuirebbe alle Regioni competenze troppo stringenti anche in materia ordinamentale sui Comuni".
Si tratta, insomma, di evitare il centralismo regionale: “Con il Premier abbiamo anche insistito sul fatto che i Fondi comunitari possano essere gestiti in modo diretto dalle città metropolitane, senza intermediazioni da parte delle Regioni, e su questi punti ci aspettiamo ora azioni concrete da parte del Governo”.
Nel corso dell’incontro si è parlato anche di come esportare fuori dalla Sicilia l'abolizione delle Province, riforma approvata nella nostra regione.
Infine la riunione si è conclusa con un auspicio,un vero e proprio "Patto per la Repubblica" tra Governo, Comuni e Regioni (ricevute dal Premier nella stessa giornata), per il rilancio del Paese. Le istituzioni e gli enti locali che amministrano devono lavorare con grande sintonia hanno il dovere di dare risposte concrete ai cittadini

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento