menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Biennale di cittadinanza attiva, Bianco: "Pugno duro contro ogni illegalità"

"La tolleranza verso l'illegalità - ha detto Bianco - è uno dei maggiori problemi della nostra città"

"Liberiamo Catania da chi vorrebbe mantenerla schiava di un passato che dobbiamo definitivamente cancellare, quello delle piccole e grandi illegalità". Lo ha detto il sindaco di Catania intervenendo, nel salone Concetto Marchesi del palazzo della cultura, all'ultima giornata della Biennale della cittadinanza attiva.

L'intervento era inserito in una tavola rotonda, moderata dal giornalista Guglielmo Troina, su "Beni comuni e cittadinanza tra scala locale e scala sovra-nazionale". "La tolleranza verso l'illegalità - ha detto Bianco - è uno dei maggiori problemi della nostra città. Certe illegalità sono state spesso presentate come una sorta di ammortizzatore sociale. Si tolleravano posteggiatori e venditori abusivi dicendo che era meglio consentire quello per evitare che andassero a rubare, senza considerare che quella del parcheggiatore è un'autentica estorsione consentita dalle organizzazioni criminali che controllano il territorio e che l'abusivismo commerciale uccide l'economia sana, chi paga le tasse. La verità è che dietro questo sistema c'era uno scambio: io ti lascio fare, tu mi porti il consenso elettorale. Quattordici anni di questo andazzo hanno fatto sì che si perdesse l'abitudine di combattere le microillegalità, chiudendo spesso gli occhi anche sulle grandi illegalità".

Il sindaco ha sottolineato che per operare questo cambiamento sia indispensabile il concorso dei cittadini. "Ecco perché - ha detto - da questa Biennale mi aspetto un grande aiuto per l'amministrazione. Mi aspetto un salto di qualità: non è immaginabile che, quando intere squadre rubano cavi di rame lasciando per mesi al buio interi quartieri nessuno telefoni alle forze dell'Ordine per segnalare questi furti che costano moltissimo alla collettività. Il concetto di cittadinanza attiva prevede che i cittadini si aiutino tra loro, che si riacquisti un valore di comunità che va difeso a tutti i costi. C'è una Catania che sta già andando avanti. Per esempio quella che si manifesta a ogni Lungomare Liberato, con migliaia di persone con una grande voglia di vivere la città in una dimensione di festa, di serenità, di civiltà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

Contrastare il Covid-19: ecco i 5 DPI più efficaci

Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Ristrutturare

Ristrutturare low cost: ecco come comportarsi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento