rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca

Bimbo in fin di vita a causa di un batterio, l'appello della madre

Ambra Cucina, nel video pubblicato su Facebook, ha ricostruito cosa è effettivamente accaduto al suo bambino: "Il 29 giugno si è sentito male, aveva vomito, un virus intestinale". Giorno 30, la donna ha portato il piccolo in un ospedale di Catania da dove, confermando che si trattasse di un virus intestinale, è stato dimesso. Da quel momento in poi è stato l'inferno

E' in fin di vita e oggi, dopo l'elettroencefalogramma, potrebbe essere diagnosticata la morte cerebrale. Ieri, nel giorno del suo quarto compleanno, la mamma Ambra Cucina di Lampedusa ha lanciato, attraverso i social, uno straziante appello: "Ho bisogno di qualcuno che senta la mia voce, ho bisogno di dottori, di specialisti. Al mio bambino è stato diagnosticato un edema cerebrale, ma tutti gli altri organi che aveva infettati sono guariti. Aiutatemi. Ho bisogno di medici e di sapere come curare questo edema cerebrale. Vado avanti, non mi arrendo. Ma da sola non ce la faccio". Ambra Cucina, nel video pubblicato su Facebook, ha ricostruito cosa è effettivamente accaduto al suo bambino: "Il 29 giugno si è sentito male, aveva vomito, un virus intestinale". Giorno 30, la donna ha portato il piccolo in un ospedale di Catania da dove, confermando che si trattasse di un virus intestinale, è stato dimesso. Da quel momento in poi è stato l'inferno: la donna, assieme al bimbo e al marito, hanno iniziato a fare la spola con più ospedali di Catania. "Giorno 4 gli hanno calato un sondino nel naso e il bambino ha iniziato a stare male - ricostruisce la straziata voce di Ambra Cucina - . E' stato trasferito in un altro ospedale dove hanno iniziato con clisteri e di nuovo un altro sondino. Poi in codice 'rosso' e in un sacco blu, in fin di vita, lo hanno trasferito all'ospedale di Messina dove i medici hanno accertato che aveva tutti gli organi infettati da Enterococco (un batterio ndr.). Da Messina a Taormina, sempre in fin di vita, - prosegue il drammatico racconto della donna - dove il piccolo ha avuto 3 arresti cardiaci. Adesso gli organi sono guariti, non sono più infettati, ma i dottori, dopo averlo sottoposto a Tac, mi hanno riferito di un edema cerebrale. A cosa sia dovuto non si sa!". "Verrà sottoposto ad elettroencefalogramma che potrebbe diagnosticare la morte cerebrale" - conclude la donna alla quale è stato detto che l'ipotesi è quella di staccare tutte le attrezzature che tengono in vita il bimbo - . La lampedusana, legittimamente, non fa altro che ripetere "perché?". "Ho bisogno di qualcuno competente, di specialisti per curare il mio bambino - ha lanciato uno straziante appello -  Aiutatemi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo in fin di vita a causa di un batterio, l'appello della madre

CataniaToday è in caricamento