Altro blitz nei ristoranti catanesi, trovati topi in un locale giapponese

Sigilli al ristorante "Dao Sushi Wok" in via D'Amico, vicino la Stazione, dove è stata accertata anche la presenza di topi. Sono stati controllati i ristoranti di via Plebiscito "Achille e Davide" e "Carlo V", specializzati nella preparazione della carne di cavallo

Continuano i controlli nei ristoranti, nei bar e negli esercizi commerciali di Catania da parte della Questura. E continuano le sanzioni per irregolarità nella genuinità degli alimenti, per mancato rispetto delle condizioni igienico-sanitarie e per emersione del lavoro nero.

Sigilli al ristorante "Dao Sushi Wok" in via D’Amico, vicino la Stazione, dove è stata accertata anche la presenza di topi.

Sono stati controllati i ristoranti di via Plebiscito "Achille e Davide" e "Carlo V", specializzati nella preparazione della carne di cavallo.

“Wok & Sushi”, via D’Amico: è stato necessario procedere all’immediata sospensione dell’ attività e alla richiesta di sequestro amministrativo del locale, ai fini della salvaguardia della salute pubblica, per un’accertata infestazione da ratti. All’interno della cucina, sono stati sequestrati 6 Kilogrammi di pollo posizionato in una vasca in plastica immersa nel liquido di decongelamento e 14 Kilogrammi di calamari, anch’essi immersi in liquido di decongelamento e maleodoranti. Nella cella per surgelati, sita su un soppalco, sono stati trovati tranci di smeriglio per un totale di 1,3 Kilogrammi dei quali non è stata provata la tracciabilità e non conservati rispettando le normativepreviste. È stata riscontrata, inoltre, la non sicurezza del citato soppalco in quanto l’unica modalità di accesso per il personale avveniva tramite un montacarichi artigianale non sicuro e non previsto nella planimetria; nella zona erano assenti anche vie di esodo in caso di pericolo. A tal proposito, le vie di esodo site all’interno del locale non corrispondevano a quanto previsto dalla normativa di legge in materia e una parte della cucina, sita nella zona della somministrazione del cibo, non risultava conforme alla regolamentazione sugli impianti a gas. Da accertamento presso le banche dati, un solo dipendente era risultato non regolarizzato ma sul posto è stato appurato che vi lavorava anche un cittadino cinese clandestino per il quale il Questore ha disposto l’immediata espulsione dal territorio nazionale, mentrela titolare del Wok & Sushi è stata deferita all’Autorità Giudiziaria per il reato di favoreggiamento dell’ immigrazione clandestina.
 

“Trattoria da Achille e Davide”, via Plebiscito: è stata accertata l’occupazione abusiva di suolo pubblico e latotale assenza di estintori previsti per legge. L’ASP havietato l’uso di un cortile interno, sito accanto alla cucina e non risultante nella planimetria del ristorante, ove erano appoggiate frutta e verdure fresche. Inoltre, da accertamento presso le banche dati, tre lavoratori non possedevano una regolare posizione contrattuale.
 
"Trattoria Re Carlo V”, via Plebiscito: è stata anche qui rilevata l’occupazione abusiva di suolo pubblico e l’unico estintore presente all’interno del locale aveva superato la data di scadenza. Si è riscontrata la presenza di un frigorifero nell’anti-latrina, ma contenente alimenti in buono stato di conservazione. Sono tutt’ora in corso accertamenti circa la tracciabilità del pesce utilizzato presso il locale. Inoltre, due dipendenti sono risultati non sottoposti al corso di formazione professionale previsto per legge e due lavoratori non sono risultati regolarizzati.

Verbali per occupazione abusiva di suolo pubblico e riscontrate irregolarità igienico-strutturali a carico del titolare di uno dei camion adibiti alla vendita dei panini nei confronti del quale l’ASP procederà alle relative contestazioni.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento