Borseggiatore seriale sulle linee Amt, colto in flagrante sul bus: arrestato

Il noto borseggiatore il cui primo arresto risale al lontano 1976, salito a bordo della linea numero 2/5, approfittando della ressa venutasi a creare, si è avvicinato ad una passeggera del bus e, dopo averle aperto la cerniera della borsa, ha tentato di asportarle il portafogli contenente il denaro

Ieri, personale del commissariato di Polizia, ha arrestato il pregiudicato catanese G.C. per tentato furto aggravato. In particolare, a seguito delle numerose denunce di borseggio ricevute negli ultimi giorni, sono stati effettuati mirati servizi sulle linee AMT.

Nella mattinata di ieri, G.C. noto borseggiatore il cui primo arresto risale al lontano 1976, salito a bordo della linea n. 2/5, approfittando della ressa venutasi a creare, si è avvicinato ad una passeggera del bus e, dopo averle aperto la cerniera della borsa e frugato al suo interno, ha tentato di asportarle il portafogli contenente il denaro.

Tuttavia, lo stesso non è riuscito a portare a termine l’azione criminosa perché “disturbato” dalla presenza di altre persone. Il comportamento non è sfuggito ai poliziotti che, immediatamente, lo hanno bloccato provvedendo ad accompagnarlo negli uffici per l’espletamento delle formalità di rito.

Su disposizione dell' Autorità giudiziaria il malvivente è stato accompagnato presso le camere di sicurezza della Questura in attesa della celebrazione del processo per direttissima. Nella nota della Questura, inoltre, si invita ad eventuali segnalazioni: "Trattandosi di borseggiatore “seriale”, chiunque sia in grado di fornire particolari utili, potrà mettersi in contatto con il Commissariato “Centrale”, sito in questa Via Teatro Massimo n. 44, al n. 095/7365000".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento