Cronaca

Botti di Capodanno vietati a Catania, l'ordinanza: sanzioni fino a 500 euro

L'ordinanza avverte “che le violazioni alle suddette disposizioni sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da Euro 100,00 a Euro 500,00, fatte salve le sanzioni per ulteriori illeciti”

Da anni le associazioni animaliste e ambientaliste si battono perché le autorità pubbliche vietino i botti. Il 16 dicembre Catania Bene Comune ha fatto appello alla Giunta Comunale perché anche Catania disincentivasse l'utilizzo di botti e si impegnasse a revocare ogni autorizzazione allo sparo di fuochi d'artificio “istituzionali” come nei casi delle feste religiose, di Capodanno, di Sant'Agata.

GUARDA L'APPELLO DEL SINDACO

Questa mattina il sindaco di Catania, Enzo Bianco, ha emesso l'ordinanza numero 262 con oggetto: "Divieto di scoppi e di petardi e simili dal 30 dicembre 2015 al 7 gennaio 2016". Nell'ordinanza il Sindaco “disponde il divieto dalle ore 12,00 del 30 dicembre 2015 alle ore 12,00 del 7 gennaio 2016 ai detentori di materiale pirotecnico, non titolari di licenza di cui all’art. 57 del TULPS, né autorizzati all'attuazione di manifestazioni pirotecniche in luoghi pubblici, di effettuare e far effettuare lo scoppio di petardi, mortaretti ed artifici similari e di ogni tipo di fuoco pirotecnico in luogo pubblico o di uso pubblico e nei luoghi privati di tutto il territorio cittadino”.

L'ordinanza inoltre avverte “che le violazioni alle suddette disposizioni sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da Euro 100,00 a Euro 500,00, fatte salve le sanzioni per ulteriori illeciti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botti di Capodanno vietati a Catania, l'ordinanza: sanzioni fino a 500 euro

CataniaToday è in caricamento