Braccato dai “Lupi” si consegna volontariamente: spacciava cocaina in via Capo Passero

I carabinieri della “Squadra Lupi” del nucleo investigativo del comando provinciale hanno arrestato il 28enne Davide Elia Buttafuoco di Gravina di Catania, poiché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti

I carabinieri della “Squadra Lupi” del nucleo investigativo del comando provinciale hanno arrestato il 28enne Davide Elia Buttafuoco di Gravina di Catania, poiché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Teatro iniziale dell’operazione il civico 121 di via di Capo Passero nel quartiere Galermo, dov’è attiva una delle più note “piazze di spaccio” del capoluogo etneo, basti ricordare l’operazione dei carabinieri di questo Comando Provinciale “Leo 121” del gennaio 2014, costantemente presidiata da numerose “vedette” posizionate sia in strada, dove effettuano un vero e proprio “filtraggio” delle autovetture dei clienti, che sui balconi al fine di verificare, a più ampio raggio, la presenza dei mezzi delle forze dell’ordine e comunicarlo a mezzo ricetrasmittenti ai pusher. I militari, mimetizzandosi tra le auto in fila dei clienti, sono riusciti ad individuare due soggetti che stazionavano nei pressi della piccola rampa di scale che conduce al civico 121, assistendo in diretta a due distinte cessioni di sostanze stupefacenti che prelevavano dai borselli che portavano a tracolla. A quel punto gli operanti si decidevano ad intervenire scatenando un fuggi fuggi generale, con i due spacciatori che fuggivano in direzioni opposte e l’arrestato che, pur di non farsi raggiungere, lanciava il borsello tra le auto in sosta con tutto il prezioso contenuto: 25 dosi di cocaina, 320 euro in contanti, ma soprattutto il suo telefono cellulare e le chiavi di una Smart For Two, parcheggiata a poca distanza dal luogo dello spaccio. Proprio l’immediata perquisizione dell’autovettura permetteva di rinvenire il portafogli del 28enne con all’interno patente e carta d’identità, nonché di avere la certezza assoluta sull’identità dello spacciatore riconosciuto in foto dagli operanti. Durante il tragitto tra via Capo Passero e l’abitazione del pusher, a Gravina di Catania, giungeva sul cellulare trovato all’interno della Smart una chiamata con ID sconosciuto. L’interlocutore, senza indugi, si presentava al maresciallo dei Lupi, riferendo di chiamarsi Buttafuoco Davide Elia e di aver fatto una sciocchezza, ma di essere comunque pronto a rimediare consegnandosi spontaneamente ai militari. Difatti, previo accordo telefonico, il giovane si presentava dopo pochi minuti dinanzi il cancello della compagnia Carabinieri di Gravina di Catania luogo in cui veniva preso in consegna dai carabinieri i quali, dopo le formalità di rito, lo hanno posto agli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento