Bracciante agricolo ucciso a Palagonia: Gip convalida fermo di Luigi Cassaro

Resta in carcere Luigi Cassaro, l'uomo di 49 anni di Licata fermato da carabinieri di Catania la scorsa settimana perché ritenuto l'autore dell'omicidio del bracciante agricolo Francesco Calcagno

Resta in carcere Luigi Cassaro, l'uomo di 49 anni di Licata fermato da carabinieri di Catania la scorsa settimana perché ritenuto l'autore dell'omicidio del bracciante agricolo Francesco Calcagno avvenuto il 23 agosto a Palagonia.

L'uomo, riconosciuto in un video in cui si vede armato di pistola mentre insegue la vittima e che avrebbe lasciato tracce del suo Dna sul posto, si è avvalso della facoltà di non rispondere dinanzi al Gip di Caltagirone, Salvatore Ettore Cavallaro, che ha convalidato il fermo ed emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio.

I dettagli delle indagini - VIDEO

All'interrogatorio era presente il sostituto procuratore Vincenzo Calvagno D'Achille che col procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera hanno disposto il fermo eseguito dai carabinieri. I legali di Cassaro, gli avvocati Calogero Meli e Santo Lucia del foro di Agrigento, hanno anticipato che stanno lavorando alla richiesta di scarcerazione al Tribunale del riesame di Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento