Accende braciere, muore per esalazioni: la compagna è grave

L'uomo è morto a causa delle esalazioni di monossido di carbonio provenienti da un braciere acceso nella sua stanza da letto, in un' abitazione di Via Enrico Pantano

Un cittadino senegalese di 43 anni è morto a Catania a causa delle esalazioni di monossido di carbonio provenienti da un braciere che, per il freddo pungente, aveva acceso nella sua stanza da letto, in un' abitazione di Via Enrico Pantano.

È grave la compagna dell'uomo, una connazionale di 20 anni, soccorsa dal 118. L'allarme è stato dato stamane intorno alle 10.30 da un altro senegalese. Sono intervenuti gli agenti della squadra mobile e della Polizia scientifica e il medico legale, Giuseppe Ragazzi, che ha effettuato un primo esame sul corpo dell'uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento