Accende braciere, muore per esalazioni: la compagna è grave

L'uomo è morto a causa delle esalazioni di monossido di carbonio provenienti da un braciere acceso nella sua stanza da letto, in un' abitazione di Via Enrico Pantano

Un cittadino senegalese di 43 anni è morto a Catania a causa delle esalazioni di monossido di carbonio provenienti da un braciere che, per il freddo pungente, aveva acceso nella sua stanza da letto, in un' abitazione di Via Enrico Pantano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È grave la compagna dell'uomo, una connazionale di 20 anni, soccorsa dal 118. L'allarme è stato dato stamane intorno alle 10.30 da un altro senegalese. Sono intervenuti gli agenti della squadra mobile e della Polizia scientifica e il medico legale, Giuseppe Ragazzi, che ha effettuato un primo esame sul corpo dell'uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Acqua: quando berla per dimagrire

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Ritrovato al Maas lo squalo Mako: denunciato il commerciante

  • Picanello, scoperto deposito per il riciclaggio di auto rubate: 4 arresti

  • Duro colpo ai Brunetto: le dinamiche del clan tra estorsioni, minacce e pestaggi

Torna su
CataniaToday è in caricamento