rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Broncopneumopatie, l’assessore Razza avvia il protocollo "Bofe" in Sicilia

Una formazione specifica per i farmacisti come “terminali” sul territorio per monitorare 900 pazienti siciliani affetti da asma e da broncopneumopatia cronico ostruttiva

Una formazione specifica per i farmacisti come “terminali” sul territorio per monitorare 900 pazienti siciliani affetti da asma e da broncopneumopatia cronico ostruttiva. Prende il via oggi, lunedì 2 maggio, alla presenza dell’assessore alla Salute della Regione Siciliana Ruggero Razza, alle 10,30 nell’aula magna del dipartimento di Scienze del farmaco e della salute dell’Università di Catania, l’attività formativa del protocollo “Bofe” (Better outcomes for everybody - Migliori risultati per tutti). Si tratta di uno studio clinico italiano che, all’indomani della pandemia Covid-19, coinvolgerà 100 farmacisti di comunità.

Dopo Catania la formazione proseguirà in altre quattro città siciliane. “Bofe” è promosso e finanziato da Sofad - Gruppo Farvima, è stato valutato preliminarmente da esperti di Cittadinanza Attiva ed è supportato da Federfarma Sicilia che ha sottoscritto un protocollo d’intesa con l’assessorato regionale della Salute. All’iniziativa partecipa infatti anche il Servizio farmaceutico del dipartimento di Pianificazione strategica dell’assessorato regionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Broncopneumopatie, l’assessore Razza avvia il protocollo "Bofe" in Sicilia

CataniaToday è in caricamento