Bronte, la denuncia: "Ospedale declassato e punto nascite presto chiuso"

"Valuteremo attraverso criteri oggettivi, se i principi di uguaglianza ed imparzialità tra tutti i cittadini, sono stati applicati" spiega l'associazione Io Consumatore

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato dell'associazione dei consumatori di Bronte, Io consumatore, rappresentata dall'avvocato Giuseppe Gullotta.

"Il declassamento dell'ospedale Castiglione-Prestianni di Bronte a nosocomio di zona disagiata, unitamente alla chiusura del punto nascite entro l'anno in corso, è in palese contrasto con i principi sanciti dal decreto del Presidente del Consiglio. Il territorio servito dall'ospedale di Bronte, comprende anche i comuni di Cesarò, San Teodoro e Santa Domenica Vittoria, ricadenti nell'area dei Nebrodi. Questi territori hanno notevoli difficoltà di natura orografica, di viabilità eccetera".

"Ma vi è di più. La popolazione che vi risiede ha un tasso di anzianità certificato da documenti ufficiali particolarmente elevato. Il decreto dell'Assessore regionale alla salute, sul riordino della rete ospedaliera, a sua volta posto in essere sulla base anche delle prescrizioni del Ministero della Salute, a parere nostro viola il sacrosanto diritto alla salute sancito dall'articolo 32 della Costituzione che testualmente recita : La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Non appena saranno pubblicati i documenti ufficiali, valuteremo attraverso criteri oggettivi, se i principi di uguaglianza ed imparzialità tra tutti i cittadini, nell'ambito della garanzia del citato diritto alla salute sono stati applicati nella previsione del citato decreto sul riordino della rete ospedaliera. Noi crediamo di no".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Autorevoli esponenti del mondo della sanità ritengono di no. In particolar modo nella provincia di Catania, si nota una evidente sproporzione di nosocomi verso l'area metropolitana della città, dove si potrebbe dire gli ospedali si trovano uno accanto all'altro. Di converso, il medesimo decreto, non ha previsto nessun ospedale classificato di “Base”, nella zona cosiddetta “pedemontana” della provincia, che come anzidetto prevede anche una parte dell'area dei Nebrodi che ricade nella provincia di Messina. Ragione per la quale, nei prossimi giorni, appena saranno acquisiti i documenti ufficiali, alla luce delle citate premesse ci riserviamo di fare ricorso agli organi giurisdizionali preposti, insieme alle associazioni del comprensorio e agli uomini di buona volontà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento