rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Cronaca Bronte

Bronte, un nuovo progetto per il depuratore punta ad abbattere il 30 per cento dei costi energetici

"Attualmente i reflui depurati arrivano sul fiume Simeto compiendo un salto di circa 80 metri in prossimità di un costone lavico, la nostra ideaè spostare l'attuale punto di scarico in un altro luogo più funzionale", ha spiegato il tecnico del Comune

Il depuratore delle acque reflue di Bronte è in grado di depurare al meglio le acque nere a beneficio dell’ambiente. Adesso punta anche a evitare di emettere fastidiosi miasmi che purtroppo si percepiscono nelle aree circostanti di tutti i depuratori e abbattere di circa il 30 per cento il consumo dell'energia elettrica. Il Comune, infatti, ha presentato all’Ati (Assemblea territoriale idrica) di Catania un progetto di adeguamento dell'emissario del depuratore e immissione dei reflui depurati nel fiume Simeto di circa 2 milioni e 357 mila euro a valere con i fondi del Pnrr.

"Attualmente - spiega il Rup Nino Saitta - i reflui depurati arrivano sul fiume Simeto compiendo un salto di circa 80 metri in prossimità di un costone lavico, con tutti i problemi che questo comporta. Una condizione che è difficile da risolvere perché l’area è sottoposta a vincoli di tipo ambientale e idrogeologico. La nostra idea – continua Saitta – è spostare l'attuale punto di scarico in un altro luogo più funzionale". Ma non solo. Il progetto prevede l’adeguamento del comparto relativo ai fanghi.

"Pensiamo – prosegue il tecnico – di sostituire l’intera condotta dei fanghi dall’ispessitore al digestore e le tubazioni del pozzetto di ricircolo fino al canale germicida agli ultravioletti. Contemporaneamente – aggiunge – realizzeremo delle coperture in alluminio sulle vasche riducendo enormemente il rilascio dei miasmi e sostituiremo i vecchi compressori con strumentazione di ultima generazione. Questo – conclude – ci permetterà di abbattere di circa il 30% il consumo di energia elettrica”.

"Che in questo periodo di rincari del costo dell’energia non è male – afferma il sindaco Pino Firrarello – Vedete, io sono dell’avviso che non possiamo mai abbassare la guardia nel quotidiano lavoro di migliorare i servizi che offriamo ai cittadini. Bronte è un Comune all’avanguardia nel settore della depurazione delle acque reflue, ma eliminare gli odori nauseabondi risparmiare energia elettrica, oltre che rendere il depuratore di contrada Sciarotta il più funzionale possibile è un dovere. Ne beneficeranno i cittadini e l’intero bacino del Simeto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bronte, un nuovo progetto per il depuratore punta ad abbattere il 30 per cento dei costi energetici

CataniaToday è in caricamento