Bronte, tenta il suicidio con sparachiodi ma prima avverte i carabinieri

Poco prima di compiere il gesto il 63enne aveva telefonato al 112 dicendo soltanto: "Sto per togliermi la vita". Militari dell'Arma hanno identificato il luogo da dove era partita la chiamata e sono intervenuti subito

Un falegname di 63 anni di Bronte ha tentato il suicidio, per motivi familiari, con una pistola a pressione sparachiodi, sparandosi sette colpi nel petto. L'uomo, che stava perdendo molto sangue, e' stato salvato dall'arrivo di una pattuglia di carabinieri.

Poco prima di compiere il gesto il 63enne aveva telefonato al 112 dicendo soltanto: "Sto per togliermi la vita". Militari dell'Arma hanno identificato il luogo da dove era partita la chiamata e sono intervenuti subito. L'uomo è ricoverato in ospedale, non è in pericolo di vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento