Brt, via Passo Gravina: criticità e possibili soluzioni

Individuato un tratto critico lungo il percorso che l'autobus compie dai Due Obelischi fino a giungere in piazza Stesicoro. Ci troviamo in via Passo Gravina, dove sono due i punti individuati: la fermata all'altezza di via Saverio Fiducia e i cordoli dall'incrocio di via Zacco fino alla via Petraro

Brt ancora al centro dell'attenzione. Dopo la mozione presentata nella terza circoscrizione, è stato individuato un ulteriore tratto critico lungo il percorso che l'autobus compie dai Due Obelischi fino a giungere in piazza Stesicoro. Ci troviamo stavolta nel territorio della seconda circoscrizione, in particolare lungo la via Passo Gravina. Due punti critici sono stati individuati dal consigliere Pina Rapicavoli, che ha presentato in consiglio circoscrizionale una mozione contenente due principali questioni di viabilità legate al servizio Brt.

"Tengo a precisare come il servizio del Brt sia efficientissimo, andrebbero apportate alcune migliorie come nella zona di via Passo Gravina" precisa il consigliere Rapicavoli. I tratti in questione, come si legge dalla mozione, riguardano la fermata del Brt di via Passo Gravina, altezza via Saverio Fiducia. Qui i problemi principali sono riscontrati dai pedoni, i quali hanno difficoltà a raggiungere i marciapiedi più vicini. "Tante le persone anziane che una volta scese dall'autobus sono costrette ad attraversare un tratto di strada e di corsia dell'autobus senza la presenza di strisce pedonali" precisa il consigliere Rapicavoli, che alza l'attenzione per sollecitare l'amministrazione a creare "percorsi utili per i pedoni".

Altro tratto di pericolo è stato individuato sempre in via Passo Gravina, dall'incrocio di via Zacco fino alla via Petraro. Dopo l'abbattimento del ponte Gioeni il Brt non percorre più l'area in questione, andando invece a confluire lungo il tratto di strada riservato alle vetture. "Ho chiesto l'eliminazione dei cordoli che delimitano questa porzione di strada, dall'incrocio di via Zacco fino a via Petraro, perchè da un anno il Brt non compie più questo tragitto" precisa Rapicavoli, che spiega i pericoli in cui si imbattono giornalmente tutti i ciclomotori, "costretti a percorrere una strada ristretta, in entrambe le corsie, dalla presenza dei cordoli ormai non attraversati più dagli autobus". L'eliminazione dei cordoli aiuterebbe inoltre il Brt nelle proprie manovre quotidiane.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento