Buche e mobilità in via De Gasperi, Cardello: "Zona abbandonata"

“Tra buche, avvallamenti e manto in condizioni pietose via Alcide De Gasperi potrebbe essere usata come percorso da rally e non come una strada attraversata ogni giorno da migliaia di persone”. Queste le considerazioni del capogruppo di “Italia Viva”

“Tra buche, avvallamenti e manto in condizioni pietose via Alcide De Gasperi potrebbe essere usata come percorso da rally e non come una strada attraversata ogni giorno da migliaia di persone”. Queste le considerazioni del capogruppo di “Italia Viva” del II municipio Andrea Cardello dopo l’ennesima segnalazione da parte dei cittadini preoccupati. “E’ ormai appurato che questa amministrazione comunale si è completamente disinteressata di via Alcide De Gasperi. Qui non viene garantita nemmeno la normale manutenzione del manto stradale, una segnaletica orizzontale e verticale adeguata, la bitumazione di ampi tratti della zona. Parliamo di una strada che doveva essere utilizzata da macchine e scooter nell’ottica di un lungomare reso completamente pedonale eppure, ad oggi, resta ancora divisa in due tronconi. Dove sono finiti i progetti originali? Quando riprenderanno i lavori per ultimare questa strada e renderla più sicura? Deve scapparci l’incidente o la brutta caduta prima che questa amministrazione si attivi per asfaltare la strada ed eliminare buche ed avvallamenti? Queste sono le domande che la gente ci rivolge. Richieste che meritano risposte adeguata da parte dell’amministrazione comunale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento