Emergenza bullismo, i progetti della polizia nelle scuole catanesi

La Questura di Catania avvierà un progetto per i docenti e due iniziative per contrastare il fenomeno del bullismo e diffondere il concetto di legalità

Già da diversi anni la polizia di Stato , svolge una vasta campagna d’informazioni nelle scuole di primo e secondo grado, diretta ad educare i giovani alla legalità e a prevenire i fenomeni di bullismo e cyberbullismo. Impegno della polizia è rendere la rete sempre più sicura per evitare che il dilagante fenomeno del cyberbullismo e di tutte le varie forme di prevaricazione connesse ad un uso distorto di internet possano costituire reali e costanti minacce soprattutto per i più piccoli. In questa azione di prevenzione di fondamentale importanza è il raccordo con l’ufficio scolastico provinciale.

Quest’anno, d’intesa con il direttore dell’Ufficio, che ha dato piena ed immediata disponibilità, la polizia di Stato, oltre ad incontrare gli studenti, avvierà apposite attività formative dirette ai docenti, al fine di realizzare una più efficace azione preventiva in seno ad ogni singolo istituto. “Formare i formatori” sulle tematiche attuali della legalità in rete sarà questo l’obiettivo di prossima realizzazione.

Altri sono i progetti realizzati dalla Questura di Catania presso le scuole come quello di “Palatucci” e “A scuola con la Polizia di stato”. Il primo in occasione della giornata della memoria celebrata ogni anno il 27 gennaio ha la finalità di parlare ai giovani di ciò che avvenuto, del significato di olocausto e shoah e di coloro che come il commissario Giovanni Palatucci si sono prodigati per gli altri fino all’estremo sacrificio. Un momento di riflessione anche sulle discriminazioni razziali nelle forme più attuali. 

Il secondo progetto si propone di rafforzare e consolidare negli studenti il senso della giustizia e il rispetto della legalità e accrescere la fiducia degli studenti nelle istituzioni, in particolare nelle forze dell’ordine, stimolandone il rispetto e la collaborazione. Gli obiettivi specifici sono: prevenire e contrastare i comportamenti antisociali e, in particolare, il fenomeno del bullismo nelle scuole, tramite l’informazione e la consapevolezza delle problematiche a esso connesse; condividere il concetto di legalità e di rispetto nei confronti “dell’altro” e della società; migliorare le relazioni tra i compagni e, di riflesso, il clima scolastico.

Questi progetti assumono tutti una valenza maggiore con riferimento particolare alle scuole ubicate nei cosiddetti quartieri a rischio in cui è importante fidelizzare gli alunni alle forze dell’ordine offrendo loro una prospettiva di legalità se spesso gli viene negata. Al di fuori delle scuole è costante poi l’intervento realizzato dalla polizia attraverso una mirata attività di prevenzione. Specie nei fine settimana, nel centro storico, nelle zone adiacenti la “Villa Bellini”, luogo di ritrovo di molti ragazzini, pattuglie del Reparto a Cavallo e forze dell’ordine assicurano un costante presidio dei luoghi. A questi si affiancano anche i volantari dell’A.N.P.S. (associazione di polizia) pronti a segnalare rapidamente qualsiasi situazione di rilievo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento