menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bunker in casa adibiti a market della droga, due arresti

I "Falchi" della squadra mobile hanno arrestato due pregiudicati, in due distinte operazioni. I due, nonostante fossero sottoposti a misure di tipo restrittivo e gravati da pregiudizi penali specifici, avevano allestito due “bunker” nelle proprie abitazioni

I "Falchi" della squadra mobile hanno arrestato due pregiudicati, in due distinte operazioni. Si tratta di L. G. 36enne, pregiudicato, sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di cocaina, crack e marijuana e C. P. di Lodi 31enne, pregiudicato specifico, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di cocaina e marijuana.

I due, nonostante fossero sottoposti a misure di tipo restrittivo e gravati da pregiudizi penali specifici, avevano allestito due “bunker” nelle proprie abitazioni adibendole a veri e propri market della droga. Nel primo caso nel quartiere di San Cristoforo gli operatori della squadra mobile grazie ad un ingegnoso travestimento, sono riusciti ad eludere il sistema di sorveglianza e le porte in ferro costruite appositamente per evitare controlli sgraditi ed hanno sorpreso L.G. che stava in quel momento cedendo della sostanza stupefacente ad un acquirente presente in casa. La perquisizione ha consentito di rinvenire circa 10 grammi di cocaina, 10 grammi di crack e 16 “stecchette” di marijuana unitamente a materiale per pesatura e confezionamento delle dosi e diverse migliaia di euro in contanti. E’ quindi scattato l’arresto per il trentaseienne sottoposto tra l’altro alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno in seguito ad una lunga condanna proprio per reati in materia di stupefacenti.

Nel secondo caso, nuovamente all’interno del “Villaggio Ippocampo di Mare”, i “Falchi” hanno fatto irruzione in una villa attrezzata con sistemi antintrusione dove C.P. era sottoposto agli arresti domiciliari per reati relativi allo spaccio di stupefacenti. Alla vista degli operatori l'uomo si è asserragliato in casa (protetta da un portone blindato) mentre due verosimili acquirenti venivano bloccati all’interno del giardino.

Il tentativo dell’uomo veniva vanificato dagli uomini della squadra mobile i quali riuscivano ad entrare in casa dalla finestra e sorprendevano il pregiudicato mentre si stava disfacendo di sostanza stupefacente nello scarico del water. Parte della sostanza veniva recuperata (12 dosi di marijuana ed una di cocaina) e la conseguente perquisizione permetteva di sequestrare anche un bilancino di precisione, tutto il necessario per confezionare le dosi ed una somma in banconote di piccolo taglio. Entrambi sono stati quindi tratti in arresto e posti a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bustine di gel di silice - Ecco a cosa servono

Alimentazione

Intolleranza ai lieviti - Cause, sintomi e dieta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento