Busta con polvere sospetta alla redazione del quotidiano "La Sicilia"

La busta conteneva una polverina di colore biancastro dalla consistenza granulosa.Subito sono intervenuti i Vigili del Fuoco, la Digos, un'ambulanza e anche un'unità di intervento chimico-nucleare

Una busta sospetta è stata recapitata questa mattina alla redazione del quotidiano "La Sicilia" di via Odorico da Pordenone a Catania. Conteneva una polverina di colore biancastro dalla consistenza granulosa.

Subito sono intervenuti i Vigili del Fuoco, la Digos, un’ambulanza e anche un’unità di intervento chimico-nucleare. Ad inviarla sarebbe stato un artigiano disperato di Nicosia. Il testo della lettera: "Sono un artigiano di Nicosia. Non c'è più lavoro. Ci sono problemi per me e per la mia famiglia. La colpa è anche delle persone che fanno lavorare elettricisti e idraulici in nero. Questa è un'azione dimostrativa, invierò questo tipo di buste a tutta la regione. Le prossime saranno esplosive". Il contenuto è stato portato all'Arpa per i controlli.

Lo stesso allarme si era registrato tre giorni fa a Milano, dove due buste contenenti della polvere sospetta e una lettera di minacce a Silvio Berlusconi e Giorgio Napolitano sono state recapitate nelle redazioni dei quotidiani Il Giornale e Il Corriere della Sera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento