Busta con proiettile a Claudio Fava, solidarietà e vicinanza del mondo politico

E' stata recapitata negli uffici della Commissione antimafia. Sull'episodio indaga la Digos. "Episodi di intimidazione grave come questo vanno condannati, senza tentennamenti", ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci

"Al presidente Fava va la convinta solidarietà e la vicinanza del governo regionale. Episodi di intimidazione grave come questo vanno condannati, senza tentennamenti. Evidentemente c’è ancora chi pensa che con le minacce si possa cambiare il corso delle cose».
Lo dichiara in una nota il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, dopo avere appreso della busta contenente un proiettile calibro 7,65 recapitata stamane al presidente della Commissione regionale Antimafia Claudio Fava.

“Sono solidale con il presidente della commissione regionale Antimafia, Claudio Fava, a cui stamattina, a Palazzo dei Normanni, è stata recapitata una busta contenente un proiettile calibro 7,65. Esprimo massima solidarietà, anche a nome dell’intero Parlamento siciliano, all’onorevole Fava vittima dell’ennesimo preoccupante episodio intimidatorio, che rivela un clima di odio che va condannato. Siamo certi che Fava proseguirà nel suo impegno politico di denuncia e per l’affermazione della legalità, senza lasciarsi turbare da questo vile episodio”. Così il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè.

Il capogruppo di Forza Italia all'ARS, on. Giuseppe Milazzo, nel condannare il vile gesto, esprime piena solidarietà all'on. Fava: "Un episodio del genere, ai danni di un Rappresentante delle Istituzioni sul territorio è inaccettabile. Ribadisco la mia piena vicinanza al deputato e collega Fava, augurandogli di continuare al meglio nel lavoro che la Commissione da lui presieduta sta svolgendo. È questa la migliore risposta all'increscioso gesto intimidatorio che mortifica tutti i siciliani onesti".

Vicinanza a Fava anche della Cgil di Catania: "È evidente che criminalità organizzata e clima di intolleranza ai diritti e alla legalità in questo momento storico vanno di pari passo. Non abbiamo dubbi sulla tempra di Fava che di certo non si farà minimamente intimidire dal vile gesto, ma vogliamo ribadire che la Cgil è il sindacato contro la mafia e rimane accanto a tutti coloro che manifestano con la propria storia e il proprio lavoro quotidiano la lotta alla criminalità organizzata".

"Un abbraccio forte a @claudiofava1. Le minacce non lo intimidiranno: non è solo, con lui tutti noi e la parte migliore della Sicilia che crede nella legalità e del cambiamento. #antimafia" Lo scrive su twitter il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali.

Giuseppe Lupo, capogruppo del PD, commenta: "A Claudio Fava va la solidarietà mia personale e quella del gruppo PD all'Ars. Saranno le forze dell'ordine e la magistratura a far luce su un episodio che inquieta ma che - aggiunge Lupo - siamo certi, non interferirà con il lavoro importante e delicato che Fava sta portando avanti all'interno del Parlamento regionale''. "Un proiettile che arriva dentro le stanze della commissione regionale antimafia, all’interno del palazzo della massima istituzione siciliana è un fatto grave. Lo è ancor di più se è rivolto a Claudio Fava, presidente dell’antimafia, figlio di Pippo, giornalista, ucciso con 5 proiettili dalla mafia. A lui il mio sostegno. Accanto a te, Claudio", così su Facebook il senatore del Pd, Davide Faraone commenta l'accaduto.

Anche il gruppo parlamentare del M5S all'Assemblea regionale siciliana esprime solidarietà al presidente della commissione regionale Antimafia Claudio Fava: “Siamo certi – dicono i deputati – che il presidente dell'Antimafia regionale Claudio Fava non si lascerà intimidire da questo vile gesto”.  

Solidarietà anche dal mondo dell'associazionismo. “Siamo certi che Claudio Fava non si lascerà intimorire dall’arrogante e vile minaccia subita. Il grave episodio si inserisce in un contesto sociale in cui l’odio si espande a macchia d’olio. Siamo altrettanto sicuri che l’importante lavoro che sta svolgendo in queste settimane la Commissione non arretrerà di un passo”, dichiara Salvo Lipari, presidente di Arci Sicilia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Santapaola-Ercolano, blitz dei carabinieri del Ros: i nomi degli arrestati

  • La spartizione dei soldi del clan Santapaola-Ercolano: "C'è u nanu ca tuppulìa"

  • Aggressione ai poliziotti al "Tondicello", presi gli autori

  • Blitz dei carabinieri del Ros: arresti e sequestro di beni al clan Santapaola-Ercolano

  • Cade lampione su passante mentre allestiscono luci di Natale in via Etnea

  • Poste Italiane cercano portalettere anche a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento