Caccia al cecchino di via Asiago, "Ho visto la ragazza colpita da un proiettile"

"Strani giochi"in via Asiago. I testimoni raccontano a Cataniatoday la loro versione dei fatti ricostruendo la dinamica dell'accaduto. Il portiere di uno dei palazzi ha assistito di persona al ferimento di una ragazza lo scorso 2 aprile

"Ho visto una persona in fila alla posta all' angolo con via Vecchia Ognina colpita di striscio al giubotto. Poco dopo sono stato sfiorato da un proiettile ed ho rischiato anch'io di essere ferito". A dare la sua versione dei fatti è E.C., portiere di uno dei palazzi di via Asiago bassa che ha assistito di persona al ferimento di una ragazza lo scorso 2 aprile.

Un episodio che forse sarebbe potuto essere evitato se fin dall'inizio i residenti del quartiere si fossero resi conto della pericolosità di quei strani "giochi' in un primo momento attribuiti a dei bambini armati di fionda o pistole giocattolo. "Il giorno successivo -continua- il cecchino ha preso di mira un motociclista, sparando poi al vetro di una sala giochi ed alle finestre dell'Avvocatura di stato all'altezza del terzo piano. Io stesso dopo aver denunciato quanto mi è accaduto alle forze dell'ordine ho consegnato ai carabinieri 4 proiettili ritrovati in strada. Sono piccoli bussolotti piombo a forma di alberello, del tipo usato sui fucili ad aria compressa".

"Si tratta di armi molto precise - spiegano in un noto negozio di articoli sportivi in Piazza Guardia, mostrando una scatola di piombini simili a quelli usati contro i passanti - in grado di centrare un bersaglio anche a notevole distanza. Il rinculo c'è, ma è relativo. Anche dei ragazzi possono adoperare queste armi, per le quali non è prevista nessuna licenza d'uso particolare". 

Anche la vetrata infrangibile della sala giochi ad angolo con via Vecchia Ognina porta ancora i segni dello sparo: piccoli graffi causati da un proiettile di piccolo calibro proveniente dall'alto, molto probabilmente dal fronte sinistro. "Io sono un cacciatore e di balistica e fucili me ne intendo parecchio" spiega il titolare fornendo la sua ricostruzione. Lui stesso, racconta, poco tempo fa ha fatto fuoco contro dei ladri incappucciati che avevano fatto irruzione nella sua villa a San Giovanni La Punta, ferendone uno in maniera non grave. "L'autore di questa bravata potrebbe aver sparato dagli ultimi piani di uno di questi palazzi. Se avesse avuto una postazione nella parte inferiore i suoi colpi non sarebbero potuti arrivare all'angolo della posta perchè schermati dal palazzo dell'avvocatura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento