Calatabiano, arrestato l'autore dell’incendio doloso di un’auto

Dopo qualche ora dal grave atto incendiario i militari sono riusciti, infatti, a raccogliere inconfutabili elementi di prova a carico del 35enne già noto per avere motivi di rancore nei confronti dei familiari della proprietaria dell’auto

Arrestato un 35enne di Taormina, Giuseppe Nicotra, con l'accusa di aver incendiato lo scorso 17 aprile un'auto Fiat Panda in via Torrente San Beatrice di Calatabiano.

L'uomo già condannato per reati contro il patrimonio ed in atto sottoposto alla misura alternativa dell’affidamento in prova ai servizi sociali, è stato arrestato dopo le indagini dei carabinieri.

Dopo qualche ora dal grave atto incendiario i militari sono riusciti, infatti, a raccogliere inconfutabili elementi di prova a carico del 35enne già noto per avere motivi di rancore nei confronti dei familiari della proprietaria dell’auto. Sospetti avvallati da alcune immagini acquisite dagli investigatori da una videocamera attiva in zona, che ha immortalato le fasi dell’attentato incendiario permettendo agli inquirenti di identificare l’autore e delineare la natura dolosa dell’evento.

La Procura, dopo aver preso atto degli indizi raccolti a carico dell’uomo, ha emesso il provvedimento restrittivo nei confronti del reo ritenuto responsabile di violazione della misura di affidamento in prova ai servizi sociali ed incendio di autovettura. L’arrestato è stato condotto nel carcere di piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento