menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calcio, anche i tifosi del Catania ricorrono al Tar per la serie B

Sostengono che la Federazione abbia modificato l'organizzazione del campionato senza aver consultato tutte le componenti tecniche

Anche i tifosi-abbonati del Calcio Catania hanno iniziato oggi la loro battaglia giudiziaria contro il via libera alla Serie B di calcio 2018/2019 a 19 squadre. E lo hanno fatto con un ricorso al Tar del Lazio che, redatto dall'avvocato Federico Tedeschini, è stato notificato per chiedere la sospensione delle delibere con le quali il Commissario Straordinario della Figc ha deciso per un campionato a 19 squadre, nonché del calendario, ma anche per ordinare l'integrazione dell'organico con le tre squadre ripescate. I ricorrenti sono tifosi che hanno acquistato un abbonamento per assistere alle partite, facendo affidamento sulla circostanza che la loro squadra del cuore avrebbe disputato il campionato in serie B.

Col ricorso si sostiene innanzitutto che la Federazione abbia modificato l'organizzazione del campionato senza aver consultato tutte le componenti tecniche. Cosa, questa, che "si traduce in un difetto di istruttoria sui presupposti del provvedimento". Altro motivo di ricorso si concentra sulla facoltà di introdurre modifiche nell'organizzazione dei campionati, riservata alla Federazione.

Si sostiene che la stessa "è subordinata alla previsione di un tempo di adattamento necessario ad evitare il gravissimo pregiudizio discendente dal cambiamento del sistema" e nel caso specifico "è accaduto che il Commissario della Figc, in violazione di ogni prescrizione normativa, nonché in violazione di qualsiasi principio di affidamento e di imparzialità che presieda all'esercizio di una funzione a rilevanza pubblica, con le delibere impugnate ha adottato misure extra-ordinem che non trovano alcuna legittimazione normativa" costituendo "unchiaro esempio di esercizio scorretto della discrezionalità del Commissario Straordinario". La conclusione è che secondo i ricorrenti si è in presenza di "provvedimenti immotivati, adottati in carenza dei necessari presupposti di fatto e di diritto, affetti da eccesso di potere per contraddittorietà ed illogicità manifesta nonché per carenza di potere del Commissario Straordinario".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Alimentazione

Aglio: tipologie, proprietà e benefici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento