Caltagirone, acido sulla folla per vendetta: uno degli arrestati ha confessato

L'albanese Sajimir Thekna ha ammesso di essere il responsabile del lancio di acido sul pubblico che assisteva a un concerto jazz nell'anfiteatro del Tondo Vecchio. Arrestati anche due fratelli ritenuti i mandanti della vendetta contro il titolare di un pub

L'albanese Sajimir Thekna ha confessato di essere il responsabile del lancio di acido sul pubblico che assisteva a un concerto jazz nell'anfiteatro del Tondo Vecchio a Caltagirone.

Il fatto è avvenuto lo scorso 22 giugno: 16 giovani rimasero ustionati gravemente. Arrestato ieri, l'albanese ha però sostenuto di non sapere che fosse acido quello contenuto nel secchio da lui usato.

Thekna cerca di prendere le distanze dagli altri due arrestati, due fratelli ritenuti i mandanti della vendetta, rivolta contro il titolare di un pub che non aveva voluto assumere uno di loro come cameriere stagionale.

Interrogati oggi in carcere, i due fratelli che hanno respinto le accuse e hanno sostenuto che la sera del 22 giugno si trovavano altrove. Per loro e per l'albanese, il gip Marcello Gennaro ha confermato l'arresto in carcere. Fuori ai cancelli del carcere i genitori di Thekna hanno chiesto scusa a nome del figlio a tutti i giovani che sono stati colpiti dall'acido solforico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento