Caltagirone sommersa dai rifiuti e gli ambulanti ripuliscono il mercato

Lo scorso sabato i venditori delle bancarelle sono stati chiamati a collaborare alla pulizia degli spazi a causa del perdurare della protesta degli operatori ecologici nel paese calatino

A causa della difficile situazione che a Caltagirone si registra in materia di rifiuti - la perdurante protesta degli operatori ecologici e i cassonetti ricolmi di rifiuti - i venditori ambulanti del mercato del sabato sono stati chiamati a collaborare alla pulizia degli spazi.
Soddisfacente l’operato dei novelli pulizieri secondo gli assessori Simone Monforte - Polizia municipale - e Vincenzo Gozza –Ecologia.    

Così lo scorso sabato, 17 novembre, i due assessori e gli agenti della polizia municipale della sezione annonaria hanno fatto il giro delle bancarelle illustrando ai venditori le difficoltà connesse all'emergenza rifiuti e sensibilizzandoli sulla necessità di non lasciare rifiuti negli spazi da loro occupati.
“Questa iniziativa proseguirà anche nei sabati successivi – afferma Simone Monforte- perché riteniamo che la prevenzione possa permetterci di centrare obiettivi significativi.

Inoltre, durante il mercato i vigili urbani hanno effettuato un servizio anti-borseggio, invitando i cittadini, le donne in particolare, a tenere le borse chiuse.

“Abbiamo invitato gli ambulanti, riscontrando la loro piena disponibilità – informa l'assessore Gozza – a depositare i rifiuti nei cassonetti della differenziata, evitando così di lasciare a terra in particolare i resti di frutta e verdura. Siamo fiduciosi che questo metodo così positivamente sperimentato sabato scorso possa continuare a produrre, anche in futuro, ragguardevoli risultati”.   
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento