Caltagirone tra i rifiuti da mesi, operatori ecologici senza stipendio

Si attende che la neo-costituita Srr (Società per la regolamentazione dei rifiuti) entri in pieno regime. Il Comune di Caltagirone ha, in ogni modo, proceduto nei confronti della Kalat Ambiente con diffide e sanzioni

Caltagirone come Napoli. Così i cittadini calatini denunciano un disservizio nella raccolta dei rifiuti che dura da qualche mese. Una città, tra le più belle della Sicilia orientale, le cui strade sono ancora piene di sacchetti di spazzatura. “Il problema è che nemmeno tra di noi si tenta di collaborare in qualche modo: invece di aspettare che le cose si sistemino e cercare di consumare il meno possibile o in un modo più adeguato, la gente diventa quasi più incivile” si sfoga un abitante del quartiere “La romana”.

I responsabili del Servizio Ecologia e Ambiente del comune calatino hanno chiarito i termini della discussione. Da un paio di mesi gli operatori ecologici della ditta che si appoggia alla Kalat Ambiente non sono stati pagati perché l’Amministrazione comunale, come tutti gli altri comuni della zona, sta vivendo una fase di dissesto finanziario. Di conseguenza gli operatori hanno cominciato ad agitarsi e nemmeno i benzinai fornivano loro il carburante per i mezzi. Si è aggiunto un altro problema: la chiusura della discarica, sempre per lo stesso motivo. In realtà il servizio, negli ultimi giorni, è stato ripristinato perché buona parte dei pagamenti è avvenuta.  Inoltre la stessa amministrazione ha fornito la ditta di una pala meccanica che riesce a raccogliere più rifiuti in maniera più veloce; solo nelle campagne e nelle zone di periferia la situazione sta rivelando alcuni punti di criticità.

Adesso si attende che la neo-costituita SRR (società per la regolamentazione dei rifiuti) entri in pieno regime, dovendo sostituire le autorità d’ambito in questa fase delicata. Il Comune di Caltagirone ha in ogni modo proceduto nei confronti della Kalat Ambiente con diffide e sanzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento