Caltagirone, trova sei bombe a mano mentre raccoglie capperi: indagini

Gli investigatori hanno avviato indagini per risalire alle persone che hanno nascosto gli ordigni, probabilmente trafugati da qualche polveriera militare. Bombe srcm sarebbero state usate in alcuni attentati durante la guerra di mafia contro Cosa Nostra

Un contadino, al confine tra i territori di Niscemi e Caltagirone, ha trovato sei bombe a mano del tipo srcm, usate in esercitazione dai militari italiani, all'interno di un bidoncino metallico parzialmente sotterrato in un terreno incolto.

L'uomo, che si trovava nella zona per raccogliere capperi, ha chiamato il 112 informando i carabinieri che a loro volta hanno fatto intervenire una squadra di artificieri che ha fatto brillare le bombe.

Gli investigatori hanno avviato indagini per risalire alle persone che hanno nascosto gli ordigni, probabilmente trafugati da qualche polveriera militare. Bombe srcm sarebbero state usate in alcuni attentati durante la guerra di mafia contro Cosa Nostra, tra la fine degli anni '80 e i primi anni del '90.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento