rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca

Camion di rifiuti pericolosi sequestrato a Venezia: era di una ditta etnea

A bordo ci sarebbero state 20 tonnellate di rifiuti classificati come potenzialmente "tossico-nocivi", ora tutto è stato sequestrato in attesa delle probabili analisi disposte dalla Procura della Repubblica

A bordo ci sarebbero state 20 tonnellate di rifiuti classificati come potenzialmente "tossico-nocivi", ora tutto è stato sequestrato in attesa delle probabili analisi disposte dalla Procura della Repubblica. Camion con carico "scottante" fermato mercoledì mattina sulla strada statale Romea, nel territorio di Mira ( Venezia). A un certo punto, all'altezza dell'ex Pansac, una pattuglia della polizia locale ha deciso di fermare per un controllo il mezzo pesante, che sulle fiancate riporta a caratteri cubitali il nome di una ditta di trasporti con sede a Catania. Una volta aperto il cassone, si è scoperto che quanto trasportato non era accompagnato da bolle o documenti corretti.

Patente ritirata e multa 

Il conducente, un 59enne siciliano, ha quindi subìto il ritiro della patente e dovrà pagare più di 3mila euro di multa. L'uomo non sarebbe stato granché collaborativo nel cercare di capire cosa ci fosse dentro i contenitori, tra cui con ogni probabilità solventi, materiali esausti e scarti di lavorazione. Per escludere l'ipotesi che ci si trovasse di fronte a sostanze radioattive, sul posto è stato fatto intervenire anche il nucleo Nbcr dei vigili del fuoco: le loro strumentazioni non hanno rilevato alcunché di anomalo. 

Camion sequestrato

Dopodiché il camion è stato sequestrato e portato in custodia nel piazzale antistante la ditta di soccorso stradale "Top Car" di Spinea. Il mezzo pesante appariva con il cassone chiuso, il contenuto celato alla vista. Saranno i successivi accertamenti tecnici a stabilire effettivamente il contenuto dei fusti, destinati a un impianto specializzato di smaltimento del Trevigiano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camion di rifiuti pericolosi sequestrato a Venezia: era di una ditta etnea

CataniaToday è in caricamento