Campo sportivo di Monte Po, Mirenda: "Necessario un piano di recupero"

"Il problema principale - precisa Mirenda - è che le squadre nelle categorie inferiori possono allenarsi solo la sera quando i giocatori finiscono di lavorare ma di fatto, con il rettangolo di gioco completamente al buio, nessuno può utilizzarlo"

Il campo sportivo di Monte Po da troppo tempo versa in condizioni assolutamente disastrose. Questa è la denuncia che fanno molte società dilettantistiche etnee che sottolineano come, in una delle più importanti strutture di Catania, da troppo tempo non viene effettuato un radicale intervento di restyling. A tal proposito il consigliere comunale Maurizio Mirenda chiede al Sindaco Bianco un piano di interventi nel breve, medio e lungo periodo per la struttura di Monte Po e per gli impianti “Duca D’Aosta” e “Velletri” che da anni accolgono tante società sportive dilettantistiche con una funzione sociale importante molti i quartieri periferici di Catania sempre in bilico tra riscatto e degrado. In particolare a Monte Po, il campo resta senza illuminazione visto che i fari non funzionano.

Eppure in passato, ogni settimana, la struttura ospitava centinaia di persone fra allenamenti,campionati amatoriali e partite ufficiali. Oggi la situazione è ben diversa.

"Il problema principale - precisa Mirenda - è che le squadre nelle categorie inferiori possono allenarsi solo la sera quando i giocatori finiscono di lavorare ma di fatto, con il rettangolo di gioco completamente al buio, nessuno può utilizzarlo. Se a questo ci aggiungiamo i mancati interventi di manutenzione delle tribune, l’eliminazione delle erbacce e le pessime condizioni dei bagni, il quadro che ne viene fuori è estremamente allarmante".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Già in passato ho proposto di ristrutturare il campo - conclude Mirenda - attraverso l’accesso al credito sportivo, l’affidamento diretto alle società oppure con i fondi nazionali previsti per questo genere di casi. Idee e suggerimenti puntualmente caduti nel vuoto ed ora Monte Po, e il resto della Catania sportiva, si trova a pagare un prezzo enorme a causa dell’ennesima occasione persa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento