Ancora due cani avvelenati a Paternò, Enpa: "Strage senza fine"

Entrambi erano cani di quartiere di indole docile, microchippati e sterilizzati

"A Paternò, nel catanese, ormai è strage di cani randagi con un nuovo, gravissimo, episodio di avvelenamento a distanza di dieci giorni dal precedente". Così in una nota l'Enpa, Ente Nazionale per la Protezione degli Animali, che spiega: "Nella tarda serata di ieri sono stati avvelenati i cani del quartiere di piazza Vittorio Veneto. Almeno due hanno ingerito il veleno, Ciccio e Gino. Il primo sta lottando tra la vita e la morte, il secondo purtroppo non ce l'ha fatta. Entrambi erano cani di quartiere di indole docile, microchippati e sterilizzati. Degli altri cani nessuna traccia, solo uno e' stato messo in salvo da una volontaria".

"Siamo stanchi e addolorati per questi terribili episodi che si ripetono orami con una cadenza impressionante", dichiara il presidente provinciale Enpa Catania, Cataldo Paradiso, che aggiunge: "Nei luoghi dove gli animali sono stati avvelenati, ci siamo mobilitati in tanti per le operazioni di ricerca dei randagi scomparsi e per verificare la presenza di altre esche sul territorio per prevenire altri casi di avvelenamento". "Il Sindaco - prosegue - deve avviare subito le indagini per scoprire gli autori di questi ignobili reati e occuparsi in maniera seria del fenomeno del randagismo, che ormai ha assunto dimensioni drammatiche"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento