Cannabis terapeutica, anche da Catania appello al ministro: "Servono più farmaci"

Molti pazienti dalla provincia etnea si uniscono al "Comitato pazienti cannabis medica" ed inviano una lettera al ministro. Tra loro anche Giuseppe Brancatelli che spiega a CataniaToday: "Abbiamo bisogno di quantità maggiori"

"Noi siamo i malati che con la cannabis medica si curano e vogliono continuare a farlo senza elemosinare il diritto a una continuità terapeutica, a non dovere peregrinare per trovare il nostro farmaco e non perdere la dignità nel nostro dolore, nelle nostre crisi e in tutte le nostre patologie". Questo uno lo stralcio di una lettera aperta inviata ieri dal Comitato pazienti cannabis medica al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

L'appello del comitato

"Noi siamo i malati che in questo momento stanno correndo a destra e a sinistra cacciando l'ultimo grammo di 'bedica', una 'bedrolite' o un 'bediol' ormai introvabili - si legge nella missiva - Siamo i malati che, se non si farà nulla, faranno un bruttissimo Natale tra sofferenze, crisi epilettiche e chissà quali altre patologie potrebbero essere non più controllabili in questo mare di farmaco-resistenti".

"Per questo - continua la missiva rivolta al ministro - chiediamo di richiedere una importazione di urgenza ed emergenza al fine di porre rimedio a questa reale emergenza sanitaria che si è abbattuta su un numero enorme di persone, da bambini ad anziani, che non possono essere abbandonati in questo stato". "L'importazione - conclude a lettera - è necessaria e fondamentale per noi, in quanto la produzione assicurata dallo stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze non ci copre per quantità e soprattutto per tipologia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le parole di Giuseppe Brancatelli

Molti i catanesi che, in questi giorni, stanno aderendo alla realtà nazionale che riunisce i pazienti bisognosi di cure a base di cannabis terapeutica. "Questi farmaci sono sempre più introvabili - come spiega a CataniaToday Giuseppe Brancatelli, l'ingegnere catanese che cura la madre malata di Alzheimer con olio di cannabis - considerate che la produzione di Stato, 100 chili annui, e l'importazione legale, altri 200 chili, viene subito esaurita in un solo mese". "Anche io, come parente ho aderito al comitato ma ci sono anche moltissime altre realtà catanesi e siciliane, come quella di una signora di Sant'Alessio che, nonostante i certificati medici, ha dovuto subire un assurdo processo a seguito del ritrovamento in casa sua di pochi grammi di cannabis". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non ce l’ha fatta Peppino Rizza, era ricoverato dal 10 giugno al Cannizzaro

  • Scoperto traffico di auto rubate: 5 in manette

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Per ripicca contro il compagno butta il suo cane dal quarto piano: denunciata

  • Abitazioni minacciate dalle fiamme a Motta Sant'Anastasia

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, auto contro tir: morta una donna, grave il figlio

Torna su
CataniaToday è in caricamento