Cannizzaro, reparto Neonatologia: sabato la “Giornata del neonato prematuro”

Apertura anche ai nonni delle visite ai piccoli ricoverati: così l’Unità Operativa di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro celebrerà la “Giornata internazionale del neonato pretermine”

Apertura anche ai nonni delle visite ai piccoli ricoverati: così l’Unità Operativa di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro celebrerà la “Giornata internazionale del neonato pretermine”, in calendario sabato 17 novembre. La scelta è coerente con la politica di maggiore flessibilità negli orari di ingresso dei genitori, attuata negli ultimi mesi dal direttore facente funzioni Pietro D’Amico, con l’obiettivo futuro di un’apertura h24. Scopo della Giornata del neonato pretermine, a livello internazionale, è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi connessi alla nascita in epoca prematura e promuovere una cultura attenta al bambino e alla famiglia. A tal fine, accogliendo l’invito della Società Italiana di Neonatologia, le UU. OO. cittadine di Neonatologia hanno chiesto ai Comuni di Acireale e a quello di Catania il “color mapping” del rispettivo Palazzo di Città, sabato sera, per “accendere una luce” su questa importante problematica. I nati pretermine, cioè prima della 37ma settimana di gestazione, sono in Italia 32 mila ogni anno (pari al 6,7% dei 474.000 nati) e affrontano notevoli problematiche legate all’anticipo della nascita, tanto più impegnative quanto prima sono venuti alla luce. La Neonatologia dell’ospedale Cannizzaro, attiva nell’ambito del Dipartimento materno-infantile dove opera la Ginecologia specializzata in gravidanze a rischio, accoglie ogni anno circa 500 neonati (fra i 1.400 nati), di cui oltre la metà prematuri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento