Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca San Gregorio di Catania / Via Umberto

San Gregorio di Catania: cantieri scuola incompleti in via Umberto

Alcuni dei sei cantieri attivi nel territorio sono stati sospesi causando dei disagi alla cittadinanza e soprattutto ai residenti di via Umberto

Una lettrice denuncia la situazione che sta avvenendo nel comune di San Gregorio di Catania a causa dell’abbandono dei "Cantieri Scuola", progetti a sostegno dell’occupazione tramite l’impiego di disoccupati per la realizzazione di opere o servizi di pubblica utilità.

A San Gregorio i sei cantieri lavoro sono stati avviati il 26 maggio 2011 per durare poco più di due mesi. I progetti, che hanno coinvolto 130 persone, dovevano ridisegnare il volto di molti marciapiedi e strutture cittadine. I cantieri hanno previsto lavori per importi pari a 670 mila euro.  In particolare sono stati finanziati 114.746,48 euro per la sistemazione e la manutenzione dei marciapiedi di Via Umberto per il tratto collocato tra Via Macello e Via Sorge, quello riferito incompleto dalla nostra lettrice.

"I cantieri scuola, sovvenzionati dalla Regione, in tutta la Sicilia si sono svolti nel migliore dei modi, dando così la possibilità a centinaia di cittadini disoccupati di sopravvivere e lavorare. Purtroppo, per i cittadini di San Gregorio non è stato così, alcuni dei sei cantieri attivi nel territorio sono stati sospesi portando ancora oggi dei disagi alla cittadinanza, soprattutto per i residenti di via Umberto che si ritrovano a fare i conti con un marciapiede del tutto distrutto e inagibile dai pedoni. Dopo vari pellegrinaggi al comune di San Gregorio chiedendo spiegazioni al riguardo e avendo ricevuto solo porte in faccia mi chiedo che fine abbiano fatto i soldi stanziati dalla Regione Sicilia per San Gregorio di Catania".

                                                                                                                  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Gregorio di Catania: cantieri scuola incompleti in via Umberto

CataniaToday è in caricamento