Caos rifiuti, Cantarella: "Denunceremo Seneco per interruzione di servizio"

"Nella notte tra sabato e domenica il consorzio Seneco ha svolto parzialmente l'ultimo giorno di servizio di raccolta dei rifiuti, con i risultati preoccupanti che i cittadini catanesi hanno potuto osservare durante tutte le strade cittadine", ha detto l'assessore

"Nella notte tra sabato e domenica il consorzio Seneco ha svolto parzialmente l'ultimo giorno di servizio di raccolta dei rifiuti, con i risultati preoccupanti che i cittadini catanesi hanno potuto osservare durante tutte le strade cittadine". Questa l'accusa dell'assessore all'Ecologia Fabio Cantarella dopo l'ispezione di ieri mattina in diverse aree della città dove, dal centro storico alle periferie, i cassonetti sono stati invasi dai rifiuti. Una situazione "imbarazzante", secondo il titolare della nettezza urbana che, questa mattina, ha deciso di denunciare il consorzio composto da Senesi ed Ecocar per interruzione di pubblico servizio. Il suo j'accuse si unisce a quello dell'imprenditrice di Dusty Rossella Pezzino che dovrà gestire ora l'emergenza. 

"La situazione di ieri mattina è stata onestamente vergognosa - ha dichiarato Cantarella - Sono stato personalmente in diverse aree della città ed ho potuto vedere con i miei occhi le condizioni dei cassonetti. Ho poi chiamato Seneco ed ho contestato i fatti, spiegando anche di voler applicare le sanzioni come previsto dall'appalto, ma loro mi hanno risposto soltanto nel pomeriggio dichiarando che era colpa del 40% dei lavoratori che non si è presentato a lavoro". "Una scusa onestamente inaccettabile - ha continuato l'assessore - anche perché sono loro i datori di lavoro e, quindi, i responsabili ultimi del'effettivo svolgimento del servizio". "Non è possibile lasciare scuole, ospedali, centro cittadino, in quelle condizioni indecorose per i cittadini e per i turisti - ha aggiunto - per questo motivo ho deciso di presentare una formale denuncia in Procura".

Disservizi, carenza di personale e di veicoli. Cantarella: "Ecco cosa abbiamo trovato" | VIDEO

La risposta di Seneco

"La Seneco ScpA - in relazione alle notizie diffuse da mezzi di informazioni locali circa ripetuti disservizi che si sarebbero verificati nella ultime 48 ore nel servizio ancora in corso per il territorio comunale di Catania - rappresenta, da un lato, di avere assicurato il massimo impegno della propria organizzazione aziendale per garantire sino all’ultimo istante utile di svolgimento del servizio. Eventuali disservizi - la cui esatta portata e le cui specifiche cause sono in corso di accertamento non possono che essere attribuiti ad iniziative individuali, anche se plurime, non concordate né con i vertici aziendali né con le organizzazioni sindacali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento