Cara di Mineo, la Procura dichiara concluse le indagini

La Procura di Caltagirona ha notificato agli 11 indagati un atto di conclusione delle indagini sulle cooperative sociali

La Procura di Caltagirone ha notificato agli undici indagati sulla gestione e il controllo delle cooperativa sociali a Mineo la conclusione delle indagini. Gli accusati avrebbero "acquisito in modo diretto o indiretto la gestione e il controllo delle cooperative sociali presenti nel territorio di Mineo e di lavori e servizi pubblici affidati dal Comune alle cooperative sociali riconducibili a Paolo Ragusa, nel periodo compreso tra l'ottobre 2013 e agosto 2015".

Ad emettere il provvedimento il procuratore Giuseppe Verzera e il sostituto Anna Andreatta a conclusione di una complessa attività d'indagine condotta dai carabinieri della sezione di Pg della Procura.

I reati ipotizzati a vario titolo sono associazione a delinquere, concussione, corruzione, abuso d'ufficio e falso. Tra gli indagati, oltre a Paolo Ragusa, sindaco di Mineo, Anna Aloisi, due ex assessori, un ex consigliere comunale, dirigenti e impiegati del Comune e alcuni dipendenti di cooperative.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento