Cara di Mineo, slitta il processo per appalti irregolari

Resta ancora a parte la posizione del sottosegretario alle Politiche agricole Giuseppe Castiglione

E' stata rinviata preliminarmente al 20 marzo 2019, per l'insediamento del collegio definitivo, la prima udienza, davanti al terzo Tribunale di Catania, del processo a 15 persone per turbativa d'asta e falso nell'ambito dell' inchiesta sulla concessione dell'appalto dei servizi, dal 2011 al 2014, al Cara di Mineo.

Dal procedimento è uscito Luca Odevaine, condannato a sei mesi di reclusione col patteggiamento. Resta ancora a parte la posizione del sottosegretario alle Politiche agricole Giuseppe Castiglione, indagato in qualità di allora soggetto attuatore del Centro accoglienza richiedenti asilo più grande d'Europa, che ha chiesto e ottenuto il giudizio immediato. I due processi saranno unificati alla prossima udienza. Tra i 15 imputati rinviati a giudizio ci sono il sindaco di Mineo, Anna Aloisi, l'ex presidente del consorzio Sol.Calatino, Paolo Ragusa, l'ex direttore del consorzio 'Calatino terra d'accoglienza', Giovanni Ferrera, gli ex vertici delle Ati interessate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento