Altri 50 migranti trasferiti dal Cara di Mineo: nel centro rimangono in 610

L'obiettivo dichiarato dal ministro dell'Interno, Matteo Salvini, è di chiuderlo entro l'anno. Dall'inizio del 2019 sono già circa 900 le persone che sono state trasferite dalla struttura, tutti uomini maggiorenni e soli

Nuovi trasferimenti dal Cara di Mineo. Altri 50 migranti sono stati infatti trasferiti: 25 a Caltanissetta e altrettanti a Messina. Nel Centro accoglienza richiedenti asilo più grande d'Europa il numero degli ospiti è sceso a 610.

L'obiettivo dichiarato dal ministro dell'Interno, Matteo Salvini, è di chiuderlo entro l'anno. Dall'inizio del 2019 sono già circa 900 le persone che sono state trasferite dalla struttura, tutti uomini maggiorenni e soli.

Intanto i lavoratori del Centro accoglienza, a conclusione di un'assemblea Uil-Uiltemp-Uiltucs, hanno proclamato per il 2 aprile una giornata di sciopero. Nel corso della riunione, è stata denunciata "la falsa operazione di risparmio e ordine pubblico" che il Governo nazionale sta realizzando con l'azzeramento del Centro: "Saranno favorite solo decine, centinaia, di strutture private dalle dimensioni ridotte e a limitatissima capacità di integrazione con rischi evidenti per la sicurezza e la certezza di un aumento della spesa a carico della collettività".

"Il Cara di Mineo chiude, senza garanzie occupazionali per i lavoratori. Le imprese appaltatrici dei servizi preannunciano già l'avvio delle procedure di licenziamento collettivo, mentre esponenti della maggioranza nazionale di governo formulano ipotesi di riconversione del sito che fanno a pugni con la realtà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento