Carabinieri, i Nas festeggiano 50 anni nella città etnea

Il reparto speciale dei carabinieri a tutela della salute ha ricevuto in video messaggio dal ministro della Salute Giulia Grillo

Nel pomeriggio del 28 giugno 2019 hanno avuto luogo, presso la sede nucleo antisofisticazioni e sanità carabinieri di Catania, i festeggiamenti per il 50° anniversario dalla costituzione del reparto speciale dei carabinieri nella città etnea. il comandante del nas di Catania, magg. Salvatore Calabrese, nel ringraziare i convenuti, tra i quali il comandante provinciale dei carabinieri di catania, col. Raffaele Covetti, e il comandante del gruppo tutela salute per l’italia meridionale di napoli, ten. col. Vincenzo Maresca,  ha ripercorso brevemente la storia del reparto, dall’epoca della sua costituzione, in data 16 giugno 1969, per volontà dell’allora ministro della sanità on. Camillo Ripamonti e del comandante generale dell’arma dei carabinieri gen.c.a. Luigi Forlenza, fino ad oggi, ricordando anche quelle che potrebbero essere considerate le pietre miliari dell’ormai lungo percorso istituzionale, tra le quali il riordino che nel 2005 ha determinato un nuovo assetto delle forze sul campo in ambito nazionale dei 38 nas e conferito all’organizzazione apicale della specialità l’attuale denominazione di “comando carabinieri per la tutela della salute”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ministro della salute on. Giulia Grillo, non intervenuta all’evento poiché assorbita da importanti impegni istituzionali connessi al g20 di osaka, ha fatto pervenire un videomessaggio che è stato diffuso ai presenti nel corso dell’evento. l’on. Grillo, nell’esprimere sentimenti di sincera gratitudine per il diuturno lavoro svolto dalla specialità dell’arma alle dipendenze funzionali del suo dicastero, non ha mancato di sottolineare l’importanza dei compiti attribuiti ai carabinieri del nas, ribadendo testualmente "quanto forte è stato l’impegno nel sostenere il sistema dei controlli, necessario per assicurare a tutti il diritto alla salute e se ciò è stato possibile è perché ho avuto quotidianamente al mio fianco i carabinieri per la tutela della salute”, ha aggiunto poi che “i carabinieri dei nas sono il più forte ed attivo strumento di cui lo stato ed il ministero della salute dispone per garantire non solo la sicurezza alimentare, ma anche il rispetto dei protocolli sanitari, delle regole a tutela del l’erogazione dei servizi sanitari e sociosanitari”. Ha poi ricordato una recente operazione condotta proprio dal nucleo di catania che ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di grano in cattivo stato di conservazione, bloccato dai militari prima che potesse essere conferito alle aziende alimentari del territorio, definendo “i nas un pilastro della comunità ed un presidio di salute ed efficienza, oltre che di legalità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

  • Librino, in due sullo scooter con un neonato di 26 giorni nel mezzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento