Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Controlli dei carabinieri su marchi Dop e Igp: sanzionate aziende etnee

Per quanto riguarda la provincia di Catania, i controlli hanno riguardato un'azienda dedita alla produzione e commercializzazione di birra, un'imprenditrice che ha evocato nell'etichetta la denominazione Fico d'India di San Cono DOP e, infine, un imprenditore che commercializzava distillati

foto archivio

Prosegue l'attività di controllo dei reparti del comando dei carabinieri per la tutela agroalimentare, nel settore dei marchi di qualità. "La tutela dei prodotti Dop e Igp - si legge in una nota - ha l'obiettivo di proteggere i produttori, che seguono rigorosamente i disciplinari di produzione regolamentati a livello europeo, e i consumatori, in relazione alle loro scelte di acquisto di prodotti di qualità". Per questo, nelle scorse settimane, i militari del Comando carabinieri per la tutela agroalimentare sono stati impegnati in ispezioni presso varie aziende, dal Piemonte alla Sicilia, passando per la Lombardia, la Toscana e la Campania e non solo, nell'ambito dell'operazione "Origine".

Per quanto riguarda la provincia di Catania, i controlli hanno riguardato un'azienda dedita alla produzione e commercializzazione di birra che è stata sanzionata per aver evocato in etichetta, in assenza di autorizzazione del Consorzio di Tutela, la denominazione protetta Cioccolato di Modica IGP. Sono state altresì sequestrate 800 bottiglie di birra da 33 cl del valore complessivo di 3.200 euro. La sanzione inflitta è stata di 4 mila euro.

Sempre nella provincia etnea è stata mossa contestazione a un'imprenditrice per non aver adempiuto alle prescrizioni impartite in una precedente verifica, nella quale era stata diffidata per aver indebitamente evocato, nella presentazione e nell'etichettatura dei prodotti pubblicizzati online e rinvenuti anche presso la G.D.O., la denominazione protetta Fico d'India di San Cono DOP. Un altro imprenditore è stato diffidato a eliminare, dal sito internet del caseificio, ogni riferimento alla Provola dei Nebrodi DOP, perché produttore non assoggettato al sistema dei controlli. Ancora in provincia di Catania è stato deferito un imprenditore che commercializzava distillati facendo riferimento al Fico d'India dell'Etna DOP, ottenuti però da frutti privi della certificazione. Contestualmente sono state sottoposte a sequestro 65 bottiglie del prodotto per un valore complessivo di 400 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli dei carabinieri su marchi Dop e Igp: sanzionate aziende etnee

CataniaToday è in caricamento