Carabinieri sequestrano 937 chili di grano marcio conservato tra ratti e piccioni morti

Sono intervenuti gli agenti della tutela agroalimentare che, a seguito di accertamenti mirati, nelle aziende di stoccaggio hanno rinvenuto le irregolarità

I carabinieri della tutela agroalimentare, in collaborazione con personale delle Asl, a seguito di ispezioni mirate effettuate in tutta Italia in aziende operanti nel commercio all’ingrosso di prodotti cerealicoli, hanno sequestrato a Catania oltre 937 tonnellate di grano duro in cattivo stato di conservazione. Inoltre gli uomini dell'arma avrebbero trovato all'interno dei locali ratti e piccioni morti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A seguito della notizia è intervenuto anche l'europarlamentare Corrao chiedendo agli inquirenti di conoscere il nome dell'azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

  • Librino, in due sullo scooter con un neonato di 26 giorni nel mezzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento